Rassegna stampa dal mondo del 12 agosto

loading...

In primo piano droga negli scali aeroportuali, ucciso in hotel in Egitto, minacce dalla Libia.

rassegna-stampa-news

Droga in aeroporto

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo in breve.

Italia. Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Roma, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane, hanno sequestrato 55 kg di cocaina purissima ed arrestato 17 “corrieri” all’aeroporto di Fiumicino. L’operazione è stata avviata a seguito di una mirata attività di intelligence ed analisi dei dati relativi ai passeggeri in arrivo e in transito, che ha evidenziato come siano cambiati di recente gli itinerari adottati dai trafficanti.

Egitto. Un turista italiano, Leonardo Ivan Pascal, è stato arrestato dopo la morte del direttore di un hotel Marsa Alam, nel sud del Mar Rosso, in Egitto, dove l’uomo stava trascorrendo le vacanze. Secondo i media locali, al nostro connazionale sarebbe stato impedito di andare al mare oltre l’orario consentito dai servizi di sicurezza. Per questo motivo è scoppiato un violento diverbio, in seguito al quale l’egiziano ha perso conoscenza ed è poi deceduto.

Libia. Ottimi rapporti con l’Italia e la volontà di mantenerli, ma anche la ferma difesa della sovranità della Libia. Così l’uomo forte del Parlamento di Tobruk, il generale Khalifa Haftar, torna a parlare della missione navale italiana: “Non c’è stata alcuna intesa con noi. Sarraj ha violato in modo grave gli accordi in cui si dice che mosse di questo genere vanno coordinate tra noi. Senza la nostra autorizzazione è un’invasione“.

Venezuela. Il presidente americano, Donald Trump, non ha escluso “l’opzione militare per il Venezuela“. “La gente nel Paese sta soffrendo e morendo”, ha affermato Trump al termine di un incontro con il segretario di Stato, Rex Tillerson, e l’ambasciatrice Usa all’Onu, Nikki Haley. Un messaggio chiaro a Nicolas Maduro, che continua a ignorare le critiche e a sfidare la comunità internazionale.

USA/Corea. “Le misure militari sono ora state allestite in pieno e pronte a colpire, in caso la Corea del Nord agisse incautamente”. Così il presidente americano, Donald Trump, annuncia su Twitter il completamento del dispiegamento militare. “Speriamo – agguiunge – che Kim Jong-un trovi un’altra strada”. Ma Pyongyang non arretra. “Spazzeremo via gli Usa – minaccia il leader nordcoreano -, vi cancelleremo dalla faccia della terra”.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *