WISE – Attanasia

loading...

Scan10020Sporchi, grezzi, graffianti…ecco i Wise.

Al debutto con il loro primo album il trio milanese ci regala undici tracce dove si spazia dall’alternative nostrano a suoni decisamente made in USA, come l’iniziale Black Devils un incontro tra i riffoni dei Black Rebel Motorcycle Club e certi passaggi stoner dove la band dimostra di muoversi a proprio agio spingendo al massimo sull’acceleratore e sulle distorsioni.

Esperimento riprovato e ancora riuscitissimo anche in Milano, unica corsa.

La buona vena riscontrabile in apertura purtroppo non dura in tutto il disco che evidenzia alcuni alti e bassi passando da pezzi interessanti e particolari come Guido guida (l’Iscariota) arricchita da un arrangiamento tendente al noise, contaminato con tastiere e fiati a pezzi vuoti e scarni che sembrano essere poco più che demo.

Una citazione a parte va fatta per la title-track Attanasia, splendida ballata piano e voce capace in poco più di due minuti di emozionare e toccare nel profondo l’ascoltatore con la propria malinconia e intensità.

La cosa che proprio non convince sono i testi: non sempre all’altezza sia come liriche che come pronuncia (negli episodi in inglese) e spesso poco accattivanti nelle linee melodiche.

Stiamo comunque parlando di una band che al disco d’esordio mostra già dell’ottimo potenziale pronto per essere espresso appieno in breve tempo e che col prossimo lavoro potrebbe davvero presentarsi con un disco completo e competitivo.

Daniele Bertozzi per Mag-Music

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *