Drew Andrews – Only Mirrors

loading...

Sussurrato, funambolico, introspettivo. “Only Mirrors” è tutto questo e anche di più. Candidato come miglior disco del 2009 dal San Diego Museum of Art, il disco d’esordio di Drew Andrews è una passeggiata sulle punte in un cielo nuvoloso.

Acustiche, ukulele, qualche nota di piano, richiami orchestrali e qua e là anche qualche divagazione elettronica rendono il lavoro del cantautore di San Diego un’opera ricca di spunti riflessivi musicali e poetici, tra il britpop, Leonard Cohen e gli Smiths.

La ballata I Could Write A Book o il vorticoso arpeggio di Counterfeit creano inquietudine e acquiescenza, stravolgimento fisico e arrendevolezza emotiva. Fine Faces e Trading Faces sono espressione della sfera pop di Andrews. Fugace, evocativo, intimo, il resto del disco viaggia con pretese quasi cinematografiche.

Niente male come inizio.

Gianluca Lambiase per Mag-Music

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *