Jules Not Jude – All apples are red, except for those which are not red

loading...

Il comunicato di presentazione di “All apples are red, except for those which are not red” parla di crescita: in senso quantitativo, perché i Jules Not Jude passano da duo a quartetto, e in senso qualitativo, nonostante i già ottimi consensi riscossi col precedente EP “Clouds Of Fish”. Prodotto da Fabio Benni e Alessandro Paderno dei più esperti Le Man Avec Les Lunettes, l’album non è altro che poco più d’una dozzina di zuccherose pop song che stampano il sorriso in faccia, senza nascondere una certa serietà che va a e viene.

Dunque i Jules Not Jude aggiungono alla loro già ricca formula (brit) indie-pop un’attitudine più rock con contaminazioni elettroniche qua e là. Parlavamo di sorrisi, infatti l’album si presenta all’insegna della spensieratezza (a conferma di ciò anche i testi surreali che sembrano usciti da un sogno stralunato); eccetto in quei momenti più riflessivi (prendete ad esempio la bellissima Just a Girl dal passo più lento del solito e quasi sognante; o la pseudo – ballata di Ordinary Sunshine, che in realtà ti prende in giro, perché diventa tutto d’un tratto un frullato frizzante e divertente, con tanto di tromba altalenante nel finale). Tutti pezzi forti questi appena citati, come anche Don’t Stop Your Thoughts In a Name: un qualcosa a metà tra Oasis e Smashing Pumpkins. Potenziale hit sembra essere Caramel Lovelypop, i Beatles qui sono vicinissimi. Un album, “All apples…” che gode anche di una certa varietà: non mi sembra neanche troppo azzardato dire che l’elettro-funk di Bubabeat, escludendo il ritornello, non dispiacerebbe agli ultimi Of Montreal.

In definitiva, i Jules Not Jude piacciono e devono piacere, perché siamo davanti ad un’altra band italiana (insieme agli …A Toys Orchestra, che mi sembra l’esempio parallelo più lampante), che finge ottimamente di essere inglese o giù di lì. Non dovrebbe essere un riscontro positivo ma visto come vanno le cose, lo è diventato.

Davide Ingrosso per Mag-Music

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *