Prestiti: i più richiesti del 2014 sono per la casa

loading...

Gli italiani, nel corso del 2014, si sono indebitati principalmente per sostenere le spese riconducibili alla casa. E’ questo quello che emerge da un recente studio del settore creditizio che ha evidenziato la finalità dei prestiti richiesti dagli italiani su internet nel corso del 2014.

prestiti casa

Secondo questo studio il 30% circa dei prestiti è stato richiesto per ristrutturare la propria casa e il 15% circa per acquistare o rinnovare l’arredamento. Nelle top 3 dei prestiti l’unica finalità non riconducibile alla casa è quella legata all’acquisto dell’auto.

Secondo gli analisti di www.mastercredito.com gli italiani si dimostrano, ancora una volta, molto attenti alla casa anche grazie ai bonus fiscali che hanno dato una fortissima spinta al settore. Inoltre, in seguito al ribasso dei tassi di interesse, molti italiani hanno preferito prendere un prestito per sostenere spese di importo medio basso (sotto i 20-30 mila euro) piuttosto che un mutuo bancario.

Il motivo è molto semplice: il prestito, seppur più caro dal punto di vista del tasso di interesse (al momento intorno all’8% i prestiti e al 3-5% i mutui), risulta essere molto più flessibile rispetto ad un mutuo e non prevede ulteriori spese accessorie.

Da notare, poi, alcune significative differenze nelle varie aree del nostro paese con il nord che fa registrare un lieve calo del numero delle richieste di prestiti mentre sono in moderato aumento nel centro – sud del paese. Per quanto riguarda la durata quella preferita dagli italiani è fissata a 60 mesi mentre l’importo medio richiesto è leggermente superiore ai 10 mila euro.

Nel complesso il 2014 si è chiuso in maniera positiva grazie sopratutto a 2 fattori: la diminuzione dei tassi di interesse dovuti alle azioni intraprese dalla BCE che ha immesso liquidità finalizzata al credito nel sistema bancario, e il bonus fiscale che ha reso molto convenienti le ristrutturazioni delle unità immobiliari.

Sulla scia di questo risultato il 2015 dovrebbe continuare su questa lunghezza d’onda, rafforzando il trend positivo nonostante alcune importanti novità. Per quanto riguarda i tassi di interesse, invece, le previsioni degli analisti parlano di tassi che si manterranno bassi ancora a lungo. Di sicuro nell’aria non ci sono, al momento, buoni motivi per  far pensare ad un rialzo dei tassi da parte della BCE, quindi il 2015 sarà un ottimo momento per mettere in programma qualche spesa importante da finanziarie con un prestito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *