“Come l’ortica”, il libro di Cristina Romano sui disturbi di apprendimento edito dalla cantante Mietta

loading...

La cantante Mietta edita il romanzo di Cristina Romano sui disturbi dell’apprendimento.

come l'ortica, cristina romano

Come l’ortica copertina

In questi giorni è uscito nelle librerie italiane “Come l’ortica” di Cristina Romano, il primo romanzo al mondo che racconta una storia emozionante e coinvolgente i Disturbi Specifici di Apprendimento (dislessia, discalculia, disgrafia e disortografia), che ha colpito talmente la cantante Mietta che ha deciso di esserne l’editrice, di scriverne la prefazione e prestare la sua voce per l’audiolibro. Il testo è riconosciuto dall’Associazione Italiana Dislessia, nella persona del Professor Giacomo Stella (unico personaggio reale all’interno del romanzo).

“Come l’ortica”, ovvero, ciò che si trova di urticante e fastidioso in qualsiasi giardino: così si sente un bambino con DSA il quale, semplicemente, non sia stato riconosciuto come tale. Può la non conoscenza rendere scettici e timorosi verso una disuguaglianza? Romanzo dalla struttura narrativa raffinata, e si vuole soprattutto sottolineare la divulgazione, sebbene questa prima edizione sia regolarmente in vendita, è singolarmente e in via del tutto eccezionale, priva di Copyright, con lo scopo di far conoscere questa diversità e renderla meno “diversa”, quindi, concedere la possibilità a tutti di espandere il testo attraverso fotocopie, mail, file audio, social network etc, purché se ne parli e si conoscano il più possibile i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), che non sono malattie, ma diversità neurobiologiche della quale la scienza si sta occupando da poco e che hanno bisogno di essere conosciute e divulgate.

Cristina Romano, è scrittrice di romanzi e racconti. Insegnante di scuola elementare, è tutti i giorni in contatto con bambini che hanno difficoltà di lettura e apprendimento segnali che troppo spesso non vengono riconosciuti dalle istituzioni e sottovalutati o addirittura, a volte, ignorati dai genitori.
«Tanti libri tecnici ma nessun romanzo – ha spiegato l’autrice – niente che potesse avvicinare e sensibilizzare la gente comune all’argomento dei dsa, niente che potesse coinvolgere anche i “non addetti ai lavori”. È stato questo a farmi pensare ad un modo nuovo di parlare di questa diffusa diversità neurobiologica, ovvero attraverso un modo “vecchio” di narrazione: il romanzo. Un romanzo che, però, nel dipanarsi della storia, abbondasse di informazioni e chiarimenti per chiunque ne avesse necessità o semplice curiosità, ma ancor di più per chi non conoscesse affatto l’argomento».

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *