Rassegna stampa dal mondo del 2 febbraio

In primo piano il libro sulla Brexit, manifestazioni contro il governo rumeno.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Proteste in Romania

Attesa la pubblicazione del libro bianco sulla Brexit dopo il via libera dei deputati britannici. La sera del 1 febbraio la camera dei comuni ha approvato con 498 voti a favore e 114 contrari la legge proposta dal governo di Londra per avviare la procedura di uscita del Regno Unito dall’Unione europea. È attesa per oggi la pubblicazione del “libro bianco”, il documento che contiene gli obiettivi del governo di Theresa May nei negoziati sulla Brexit. May ha indicato il 31 marzo come data limite per attivare l’articolo 50 del trattato di Lisbona, dopo di che ci si aspetta che i negoziati dureranno al massimo due anni.

Imponenti manifestazioni contro il governo della Romania. La sera del 1 febbraio sono scesi in piazza circa 200mila romeni, di cui la metà nella capitale Bucarest, per protestare contro l’approvazione d’urgenza di un decreto che depenalizza alcuni reati di corruzione. L’esecutivo guidato dal socialdemocratico Sorin Grindeanu ha motivato la decisione con l’esigenza di svuotare le carceri, che sono sovraffollate. Tuttavia alcuni lo considerano un tentativo di scarcerare alcuni alleati politici condannati per corruzione. A Bucharest ci sono stati scontri tra forze dell’ordine e manifestanti, con lanci di petardi, pietre, bottiglie e gas lacrimogeni.

Un giudice californiano lancia una nuova sfida al muslim ban di Donald Trump. Il giudice federale Andre Birotte Jr. ha ordinato al governo statunitense di lasciar entrare tutti i detentori di visti validi, anche se provengono dai sette paesi a maggioranza musulmana indicati nell’ordine esecutivo firmato dal presidente statunitense il 27 gennaio. Nel frattempo il presidente statunitense ha dichiarato che rivedrà un accordo raggiunto dall’amministrazione Obama con l’Australia, in base al quale gli Stati Uniti avrebbero accolto 1.250 richiedenti asilo fermi nei centri di detenzione di Nauru e Papua Nuova Guinea.

Rex Tillerson giura come segretario di stato degli Stati Uniti. L’ex amministratore delegato di Exxon Mobil è stato confermato come responsabile degli affari esteri del governo Trump dopo l’approvazione del senato con 56 voti a favore e 43 contrari. Quella di Tillerson era una nomina considerata a rischio per i suoi rapporti con la Russia. Ancora più in bilico sembra la conferma di Betsy DeVos come ministra dell’istruzione. Il segretario alla difesa John Mattis comincia oggi il suo primo viaggio ufficiale all’estero, in Corea del Sud e in Giappone, mentre il consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn ha lanciato un avvertimento all’Iran per il recente test missilistico.

È morto l’oppositore congolese Étienne Tshisekedi. Tshisekedi è stato il più importante avversario del presidente della Repubblica Democratica del Congo, Joseph Kabila. Durante tutta la sua carriera politica si è battuto per la democrazia, opponendosi prima a Mobutu Sese Seko, poi a Laurent Kabila e infine a suo figlio Joseph. Tshisekedi è morto il 1 febbraio in un ospedale di Bruxelles per un’embolia polmonare. Aveva 84 anni.

L’esercito turco afferma di aver ucciso 51 jihadisti in una serie di raid in Siria. I raid si sono svolti nelle ultime ventiquattr’ore. Sono stati colpiti 85 obiettivi del gruppo Stato islamico nelle aree di Al Bab, Tadif, Qabasin e Bzaa, nel nordovest della Siria. Da cinque mesi la Turchia porta avanti l’operazione Scudo dell’Eufrate per allontanare i jihadisti dal confine.

Tre esperti di sicurezza informatica russi accusati di tradimento. Sergei Mikhailov e Dmitry Dokuchayev, entrambi ex agenti dei servizi segreti russi (Fsb), e Ruslan Stoyanov, dirigente in un’azienda di software che produce antivirus, sono stati formalmente accusati di tradimento dalle autorità russe. Secondo le ipotesi degli inquirenti i tre esperti di sicurezza informatica avrebbero lavorato per favorire interessi statunitensi. Il Cremlino ha smentito con decisione alcune voci circolate tra i mezzi d’informazione secondo le quali ci sarebbe qualche collegamento fra i tre informatici arrestati e le accuse da parte della Casa Bianca sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali statunitensi.

La povertà incide sulla salute più dell’abuso di alcol e dell’obesità. Secondo uno studio pubblicato dalla rivista medica The Lancet, una condizione socioeconomica di basso livello riduce l’aspettativa di vita di circa due anni, un effetto simile a quello della sedentarietà, ma inferiore a quello di fumo e diabete. Secondo gli autori, per raggiungere l’obiettivo globale di ridurre del 25 per cento la mortalità dovuta alle malattie non trasmissibili entro il 2025, occorre inserire elementi come la lotta alla povertà, i problemi lavorativi, la mancanza di istruzione nelle strategie di politica sanitaria.

Bob Dylan pubblicherà un nuovo album a marzo. Si intitolerà Triplicate e conterrà 30 canzoni estratte dal repertorio tradizionale della musica statunitense, in particolare da quello di Frank Sinatra. Tra i brani in scaletta ci sono Stormy weather, As time goes by e I could have told you. Uscirà il 31 marzo. Nei mesi scorsi il cantautore di Duluth ha vinto il premio Nobel per la letteratura.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *