Rassegna stampa dal mondo del 16 agosto

In primo piano il caso Regeni, tensioni negli States, emergenza migranti e Ong.

rassegna-stampa-news

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Egitto. Gli Stati Uniti dell’amministrazione Obama acquisirono prove che Giulio Regeni era stato rapito, torturato e ucciso dai servizi di sicurezza egiziani e avvertirono il governo Renzi. Lo rivela il New York Times. “Abbiamo trovato prove incontrovertibili sulla responsabilità di funzionari egiziani”, ha detto una fonte al quotidiano, secondo cui gli Stati Uniti “passarono la raccomandazione al governo Renzi”.

USA. Il presidente americano Donald Trump torna sugli incidenti di Charlottesville, affermando di non aver subito condannato i gruppi razzisti solo perché non conosceva ancora tutti i fatti. E poi attacca: è colpa di entrambe le parti, anche la sinistra estremista condivide la responsabilità per le violenze ma “nessuno vuole dirlo”. Intanto emerge che l’elicottero della polizia caduto era rimasto gravemente danneggiato in un incidente nel 2010.

Italia. La ong spagnola Proactiva Open Arms ha fatto sapere tramite i suoi profili social di essere stata sequestrata per due ore da guardacoste libici in acque internazionali e costretta sotto la minaccia delle armi a dirigersi in acque libiche. “Golfo Azzurro liberato naviga verso nord – scrive la ong -. Quasi due ore sequestrati sotto severe minacce e ordini dei guardacoste libici”. La Proactiva è una delle 5 ong che hanno aderito al codice di condotta.

Venezuela. E’ stato liberato dopo oltre due settimane di carcere il 23enne Wuilly Arteaga, che con il suo violino è diventato un simbolo della rivolta contro il governo Maduro in Venezuela. Arteaga era stato arrestato lo scorso mese durante una protesta. I suoi avvocati affermano che durante la custodia è stato picchiato con il suo stesso violino.

Spagna. Sarebbero persone con una formazione paramilitare i tre giovani ceceni, tutti residenti in Francia come richiedenti asilo politico, che hanno massacrato Niccolò Ciatti a Lloret de Mar, all’interno di una discoteca. Per uno di loro, quello che ha dato il calcio mortale al volto di Niccolò già a terra, è stato confermato il carcere, gli altri sono stati liberati e possono rientrare in Francia.

Portogallo. Tragico incidente a Madeira, in Portogallo: 12 persone sono morte, uccise dalla caduta di un albero. In questi giorni nell’isola si festeggia la patrona e per l’occasione nella zona si raduna sempre una grande folla di residenti e turisti. L’albero è caduto mentre si stava preparando l’inizio della processione, che parte da quella pianta secolare, che era legata da due anni. Nell’incidente 52 persone sono rimste ferite, di cui 4 gravi.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.