Sick Tamburo – s/t

sick tambuto - s/tDopo anni di silenzio dall’ultima opera dei Prozac+, vediamo comparire sulla scena un nuovo progetto, che vede coinvolti 2/3 del gruppo precedente, con il passaggio della bassista Elisabetta Imelio alla voce e con un nome senz’altro efficace ed originale.

La nuova band, di stampo alternative, si presenta in passamontagna sia dal vivo che sulla loro copertina e nella musica possiamo constatare la presenza di campionature elettroniche, un ottimo riffing e di un “Tamburo” che, cosa dire, è davvero “Sick”!

Dopo l’intro si parte all’ascolto di pezzi ormai celeberrimi come Il mio cane con tre zampe, pezzi più melodici come Parlami per sempre ed altri psichedelici come Topoallucinazione, solo per citarne alcuni.

Il disco si rivela un piacevole ascolto anche per i non amanti del genere. Canzoni dai ritornelli orecchiabili e dalle melodie sicuramente originali, anche se a brevi tratti ripetitive ma i testi spesso e volentieri osé rimediano sicuramente a questo particolare trascurabile. Testi che oltre ad essere osé si rivelano anche intelligenti, poetici ed introspettivi con un po’ di nonsense che fa sempre la sua bella figura!

Oliver Tobyn

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.