Rassegna stampa dall’Italia del 22 ottobre: referendum Lombardia e Veneto, gli insetti sulle nostre tavole

In primo piano seggi aperti per il referendum autonomia Lombardia e Veneto.

rassegna-stampa-news-referendum

Manifestazione contro il razzismo

La rassegna stampa delle notizie più importanti di oggi dall’Italia.

Dal primo gennaio 2018 potranno arrivare sulle tavole degli italiani anche gli insetti. Da questa data, infatti, si applicherà il nuovo regolamento Ue sui novel food, che permetterà di riconoscere gli insetti sia come nuovi alimenti che come prodotti tradizionali esteri, aprendo di fatto alla loro produzione e vendita anche nel nostro Paese. A renderlo noto è la Coldiretti, in occasione del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione a Cernobbio. L’idea di mangiare vermi giganti, cavallette e scarabei, però, non piace proprio a tutti. Anzi. Il 54% degli italiani è contrario e considera l’alimento estraneo alla cultura alimentare nazionale.

Un albanese di 39 anni, ferito nella notte a Torino da alcuni colpi di pistola, è morto poco dopo in ospedale. Gli spari intorno alle 3.30 davanti ad un bar di zona San Paolo, quartiere popolare a ridosso del centro. La polizia, intervenuta sul posto, sta indagando per identificare chi ha sparato e per quali motivi ha fatto fuoco. A sparare contro di lui sarebbero stati due uomini.

Seggi aperti per gli elettori lombardi e veneti, chiamati alle urne domenica 22 ottobre per esprimersi sul cosiddetto “referendum per l’autonomia”. L’appuntamento è solo consultivo e quindi non vincolante. Se infatti dovesse vincere il sì né la Lombardia né il Veneto opteranno per la secessione dal resto del Paese né diventeranno automaticamente regioni a statuto speciale.

“Ignazio Visco? l’ho nominato io, e da quel giorno non l’ho mai sentito”. In ogni caso, non è possibile scaricare sulla Banca d’Italia le responsabilità dei singoli. “Il Centrodestra? Sicuro che rimarrà unito come negli ultimi vent’anni: Matteo Salvini e Giorgia Meloni non possono essere definiti populisti”. Così il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, in una intervista alla Stampa, affronta i principali argomenti politici della settimana.




A Roma in migliaia hanno preso parte al corteo “contro il razzismo, per la giustizia e l’uguaglianza”. L’evento è stato organizzato da una cartello di associazioni, rifugiati o richiedenti asilo, ong, studenti, sindacati e partiti. I manifestanti sono scesi in piazza “contro le politiche migratorie volute da Europa e governo e contro ogni guerra tra poveri, per riaffermare l’uguaglianza, una legge sullo ius soli e per richiedere corridoi umanitari per le persone intrappolate in Libia”.

“Le macerie ve le portiamo noi”. Questo il grido di circa 200 terremotati arrivati a Roma dalle zone del sisma che, più di un anno fa, ha devastato il Centro Italia. Carichi di rabbia e indignazione, si sono presentati – con carriole piene di massi e pietre delle loro case crollate – davanti a Montecitorio, dove si sono radunati per un sit-in. Protestano per l’inefficace risposta del governo: in gran parte dei centri abitati, infatti, ci sono ancora macerie.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *