L'officina della camomilla – Senontipiacefalostesso Uno

Sbarazzini e apparentemente adolescenziali, sempre avvezzi a pubblicare passo dopo passo i loro brani, oltre che da circa un anno parte integrante del roster Garrincha Dischi, i cinque de L’officina della camomilla dovevano pur vedersela faccia a faccia con la pubblicazione di un album che ne raggruppasse buona parte. Dopo il precedente EP omonimo, “Senontipiacefalostesso Uno” risponde a quest’obiettivo. Un disco fatto di storie inverosimili, buffe, giocose, raccontato dalla voce brilla di Francesco De Leo, che presenta diversi momenti ottimamente riusciti. Una menzione particolare va all’intreccio di Pegaso Disco Bar e Ti porterò a cena sul braccio della ruspa, tra i momenti di maggiore rilievo, pur non essendo da meno il caldo giro di chitarra di Agata Brioches e una ballata come Un fiore per coltello. Bei spunti anche nelle venature country di La provincia non è bella da fotografare, il rilassante carillon che anima Lulù devi studiare Marc Augé e il punk alla TARM di Ho fatto esplodere il mio condominio di merda. Tolti alcuni momenti, su tutti l’imbarazzante collaborazione con Lo Stato Sociale, il risultato è più che buono, da ascoltare in simpatia, per un progetto che fa progressi.

Gustavo Tagliaferri

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.