Black Eyed Dog – Too Many Late Nights

Deve averne sentite tante di notti sfiorargli l’anima uno come Fabio Parrinello, anima dei Black Eyed Dog. E a simili sensazioni possono corrispondere anche le evoluzioni del proprio modo di esprimersi. Quelle che si sono via via espresse da “Love Is a Dog from Hell” fino a “Rhaianuledada” e che vedono una conferma ulteriore proprio in questo “Too Many Late Nights“, forse il disco della svolta, complice anche la produzione della palermitana 800A Records. A predominare è uno psycho-blues che ondeggia tra l’Italia e l’estero, fatto di grooves diabolici (Dixie Gipsy, Babe), refrain proto-punk, d’ispirazione caveiana (When I Was Married to YouHeather, sospese tra la voce di Parrinello e quella di Anna Balestrieri), sfumature insospettatamente industriali (It Turns You On, l’incedere distruttivo di Sister), venature western (War Child) e ballate romantiche divise tra Waits (Crazy to the BonePaper Cuts, Light Green) e la wave (le reminescenze electro di Blowin’ Horns in Heaven). Con simili cambi di programma il risultato è un album ipnotico, da gustare in ogni singolo dettaglio, che illustra una band in continua evoluzione, sempre intenzionata a seguire la giusta strada. Assolutamente da provare.

Gustavo Tagliaferri

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *