“Gli ultimi giorni di Maometto”, un ritratto-inchiesta di Hela Ouardi

Gli ultimi giorni di Maometto in libreriaMedina, lunedì 8 giugno 632. Il Profeta sta esalando il suo ultimo respiro.

Intorno a lui, i suoi compagni più stretti, i fedeli della nuova religione tremano, oppressi dal timore che il mondo stia per finire, così come Maometto aveva profetizzato negli ultimi tempi della sua vita.

Qual è la malattia che l’ha ucciso? E perché due giorni dopo la sua morte nessuno ha pensato a seppellirlo, contrariamente alle abitudini di quel mondo?

Nel racconto dettagliato dell’avvenimento più misterioso della storia dell’Islam, Hela Ouardi esplora e confronta le antiche fonti che hanno descritto l’avvenimento, rivelando un altro volto del Profeta, un uomo minacciato da più parti, indebolito dalle rivalità interne che, negli anni a venire, si esprimeranno nei due grandi filoni in cui si divide la religione islamica, i sunniti e gli sciiti.




Il ritratto di un uomo in carne e ossa, libero dalla visione ideologica che ne influenzerà l’immagine in futuro, uno studio accurato e documentato che si legge come un romanzo scritto da Hela Ouardi.

Hela Ouardi, tunisina, insegna letteratura francese all’Istituto Superiore di Scienze Umane dell’Università di Tunisi ed è ricercatrice presso il Laboratorio di Studi sul Monoteismo al CNRS, Centro Nazionale della Ricerca Scientifica, a Parigi. Questo suo secondo libro, accolto molto favorevolmente da pubblico e critica, ha suscitato una viva polemica nel mondo musulmano.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.