Infinity ricorda Federico Fellini

Oscar onorario nel 1993 per la sua incredibile carriera, Federico Fellini è indubbiamente considerato uno dei più grandi cineasti italiani, la cui fama è riconosciuta in tutto il mondo.

Divenuto celebre per il suo stile onirico e malinconico, viene spesso citato dai registi contemporanei che lo considerano da sempre un maestro da seguire, seppur ineguagliabile. Cliccate qui per la programmazione speciale della Rai.

Infinity propone una ricca selezione di titoli delle sue opere più celebri.

Nel 1952 Fellini dirige Alberto Sordi ne Lo Sceicco bianco. Il film vede l’attore romano interpretare un idolo delle folle, un attore che interpreta appunto tra gli altri ruoli anche uno sceicco. Una coppia di giovani sposi si reca dalla provincia a Roma e la donna resta ammaliata dal suo idolo, tanto da mettere in discussione il suo matrimonio.



Nel 1953 Alberto Sordi torna come protagonista ne I Vitelloni, il film che racconta le vicende di un gruppo di cinque giovani, un variegato gruppo di amici che spazia dagli intellettuali ai giocatori accaniti, passando dal più maturo a quello più infantile.

La Dolce Vita del 1960 con Anita Ekberg e Marcello Mastroianni è in assoluto uno dei più grandi capolavori felliniani. Il viaggio all’interno della dolce vita romana degli anni sessanta è ancora oggi fonte di ispirazione per i cineasti internazionali e meta di pellegrinaggio cinematografico da tutto il mondo nei luoghi e nelle atmosfere raccontate nel film di Fellini. Iconica la scena della Ekberg a piedi nudi nella Fontana di Trevi.

Diviso in quattro episodi, Boccaccio ’70 del 1962 ha come registi diversi cineasti del cinema italiano. Da Luchino Visconti a Mario Monicelli, insieme a Vittorio De Sica anche Federico Fellini, per un’opera corale concettualmente ispirata alle storie di Giovanni Boccaccio.

Altrettanto iconico e onirico, 8 ½ è il film del 1963 che ha come protagonisti Claudia Cardinale, Anouk Aimée, Sandra Milo e Marcello Mastroianni e racconta la storia di un regista sulla quarantina, stanco del suo lavoro e della sua vita frenetica. Un viaggio nella vita di un uomo che racconta non solo la sua storia ma quella di un’intera generazione. Il film vinse due premi Oscar, come migliore opera in lingua straniera e per i costumi.

In Giulietta degli spiriti, protagonista per il film del 1965 è Sandra Milo. Una donna, che comprende che il suo matrimonio è in crisi, interroga invano gli spiriti in cerca di conforto. La speranza in un futuro migliore blocca la donna, che si ostina a voler tenere in piedi il suo matrimonio nonostante le effettive prove del tradimento coniugale da parte del marito.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.