Il nostro pianeta, la nuova docu-serie in otto parti di Netflix

Netflix rilascia oggi il teaser e le immagini della nuova docu-serie originale Il nostro pianeta che esordirà il 5 aprile 2019 in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo. Questa ambiziosa serie è stata creata in collaborazione con Silverback Films, il cui direttore Alastair Fothergill è stato la mente creativa delle serie originali Pianeta Terra e The Blue Planet acclamate dalla critica, e con il WWF, l’organizzazione per la tutela dell’ambiente più importante al mondo.

Questa innovativa serie in otto parti mostrerà le specie più rare e gli habitat più fragili del pianeta, rivelando strepitose immagini della Terra catturate in modi mai visti prima attraverso le ultime tecnologie di ripresa in 4K.




La produzione di questo ambizioso progetto è durata quattro anni e si è svolta in 50 paesi diversi in tutti i continenti, dove oltre 600 membri della troupe hanno impiegato più di 3.500 giornate di riprese. Al centro della serie documentaristica la ricchezza e la varietà degli habitat di tutto il mondo, dalla natura più remota dell’Artico, alle misteriose profondità oceaniche, passando per i maestosi paesaggi africani e le ricchissime foreste del Sud America.

Il naturalista David Attenborough presterà la sua voce alla serie nei paesi anglofoni. I doppiatori delle altre lingue verranno annunciati a inizio 2019. Per tutte le novità quotidiane nel catalogo Netflix cliccate questo link per essere sempre aggiornati.

Fonte: comunicato stampa.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.