Giuliano Dottori – Temporali e rivoluzioni

Giuliano Dottori - Temporali e rivoluzioniUn piccolo scrigno”.

Cosi è definito nel comunicato stampa “Temporali e rivoluzioni”.

Giuliano Dottori ritorna con questo secondo album dopo aver condiviso e condividendo ancora esperienze con Atleticodefina e Amor Fou. Dopo le atmosfere intimiste del predecessore “Lucida”, questa volta Giuliano ha prediletto un suono più semplice, meno elaborato e, in conclusione, più rock e rarefatto. Le musiche di questo lavoro, infatti, non hanno bisogni di amplificatori e cavi per esprimere forti emozioni.

Affiorano cosi i vari riferimenti alla consolidata tradizione italiana della canzone d’autore (De Gregori in primis) ma anche alle nuove leve cantautoriali come Moltheni (sentire, ad esempio, l’iniziale Chiudi l’emergenza nello specchio) o Riccardo Sinigallia.

Come definire quest’album? Un lungo abbraccio sotto la pioggia battente, forte, robusto ed pieno di calore.

Un bel lavoro, davvero, colto ed elegante.

Marco Gargiulo

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *