Triptykon – Melana Chasmata

Triptykon - Melana ChasmataGeneralmente è difficile che un gruppo o un artista pioniere, dopo i grandi fasti che l’hanno consacrato alla storia, riesca a ripetersi nell’impresa di pubblicare un capolavoro o quanto meno un buon album. Soprattutto con l’avanzare degli anni, quando l’estro creativo sembra affievolirsi e l’originalità rimanere legata al passato. Per fortuna Tom G. Warrior pare essere una piacevole eccezione alla norma e, a parte il passo falso – o caduta libera? – di “Cold Lake”, ha sempre dimostrato grande inventiva e personalità.

È evidente che i suoi Triptykon siano una diretta emanazione dei Celtic Frost, specialmente di quelli della breve reunion – e sia i disegni di H.R. Giger in copertina, che i titoli in greco dovrebbero quantomeno confermare questa linea di continuità. Mentre “Eparistera Daimones” rimaneva particolarmente legato a “Monotheist”, “Melana Chasmata” sembra quasi ripercorrere i vari stadi della carriera dei Celtic Frost, senza per fortuna abbandonarsi a inutili e anacronistiche dietrologie. Ascoltando il singolo Breathing si nota certamente un tocco thrash che ricorda i pionieri svizzeri degli inizi; altre parti dell’album, invece, come Aurorae e In the Sleep of Death rimangono ancora legate più agli stilemi dell’ultimo album del vecchio gruppo di Zurigo. Il tocco e l’impronta malvagia di Tom G. Warrior rimangono quindi sempre quelli: l’oscuro e profondo suono della chitarra e la voce – talvolta estremamente straziante e altre volte altrettanto epica – non si possono cambiare.

Sebbene potrebbe quasi venire da pensare che egli si sia messo semplicemente a collezionare attimi artistici dei migliori Celtic Frost, pare tuttavia chiaro che coi Triptykon sia avvenuto un profondo processo di rimeditazione, rielaborazione e ulteriore maturazione. Processo ancora più strabiliante se paragonato all’inevitabile decadenza che tanti altri artisti storici, oramai dediti ad imitare se stessi e pure di qualche anno più giovani – Metallica, Testament, Annihilator, Kreator, Slayer sono solo pochi esempi – sono andati in contro.

Edoardo Giardina

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *