Beatrice Antolini – Beatitude EP

Beatrice Antolini - Beatitude EPCD – La Tempesta – 5 t.

Da Urtovox a Qui Base Luna. Da Qui Base Luna a La Tempesta. È un continuo movimento, a mò di muta serpentesca, quello che, dal tempo trascorso dall’uscita di Vivid fino ad oggi, meglio sintetizza il percorso di Beatrice Antolini. Un EP come questo Beatitude non solo inaugura tale passaggio nel migliore dei modi, ma rappresenta un ulteriore progresso a livello di sound, marcato dal ritorno al lavoro in proprio tipico degli esordi, privo di una band di supporto: Spiders Are Not Insects in soli due minuti dà luogo ad un ossessivo e forsennato mantra, DNA (Embarrassed Face) è un ibrido dove il feeling di certi brani dell’album si fa tutt’uno con la frenesia di un etereo e feroce psych-synth-rock, il linguaggio del corpo tout court, come allo stesso tempo Dromedarium (Beatitude), strabordante di irresistibili ritmiche funk e malleabili trame waveggianti, mentre la galvanizzante marcia electro di With Love (Happy Europa parte 2?) e la soave ballata dalle tinte techno Anyma L, rispettivamente con il contributo di Marco “Garrincha” Castellani e Federico Poggipollini (Ligabue) al basso e alla chitarra, sono la ciliegina sulla torta, per quello che è l’ennesimo colpo portato a segno da un’artista consapevole della propria essenza, e proprio per questo degna di rispetto. Pura beatitudine.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.