Alia – Asteroidi

Alia - AsteroidiCD – Neverlab, 10 t.

Collisioni, più che con la Terra, con la propria anima. Il più volte paventato devasto interiore sostituito dal raggiungimento di un’insolita libertà, mentale e non. L’EP Ària ha funto da inizio a tutto ciò per l’ex Quartocapitolo Alessandro Curcio, ed Alia è il monicker attraverso cui permettere un seguito ad un simile percorso, soprattutto con l’ausilio di un full length. A specchiarsi in Asteroidi è un artista dotato di una voce tanto lieve quanto movimentata, conscio di cosa voglia dire concepire in maniera atipica il pop senza prescindere dalla corrente d’autore: un animo che cova la propria devozione a Fabio Concato (la bossanova di Goldie Hawn) ed in contemporanea agli Smiths (Case di ringhiera), sospeso tra ballate soffuse, rappresentate da una Bouquet dalla duplice identità, pacata all’inizio e funkeggiante alla fine, con la mano di Vesta, e da La sicurezza degli oggetti, e la dualità dell’incalzante ritmo electro della title track e della pulsante e mistica Verso il centro, oltre a serenate folktroniche al chiaro di luna (Musa) e confessioni dal vellutato sapore ambient (Corteccia), in una situazione dove l’assistenza di Giuliano Dottori non è cosa da poco (Cats, echi degli ultimi Amor Fou e contributo vocale da parte dell’ex Madreblu Raffaella Destefano). Asteroidi? Un quadro interstellare celante una proposta da tenere seriamente d’occhio.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *