Movie Star Junkies – Evil Moods

Movie Star Junkies - Evil MoodsVoodoo Rhythm, 10 t.

Un paio d’anni fa, con l’uscita di Son of the Dust, si respiravano atmosfere cupe e sporche, facenti da fulcro di un’opera i cui richiami caveiani hanno dato il giusto colpo di grazia ad un risultato di tutto rispetto. Oggi i Movie Star Junkies, con questo Evil Moods, prediligono a quella cupezza un suono sempre sporco, maggiormente grezzo e soprattutto dilatato e luciferino, frutto di un’immersione in quella che è l’effettiva “musica del diavolo” predominata dalla voce disperata di Stefano Isaia, dalle chitarre di Vincenzo Marando ed una sezione ritmica dove spicca l’operato di Caio Miguel Montoro: si va dal garage (A Lap Full of Hate) al blues (Rising, la marcia fumosa di A Promise), dal boogie dominato da un ipnotico mellotron (Move like Two Ghosts) ad una vena gospel (In the Evening Sun), senza nulla togliere all’inquietudine da film horror situata nella dicotomia organo-glockenspiel di All Sorts of Misery, nei fantasmi latini e funk che muovono il rock di Three Time Lost o nei demoni afro che pervadono Please Come Home, oppure il mantra che assale la galoppata di Red Harvest e la gangster story inerente alla figura di Jim Thompson, rock’n’roll con tanto di fiati andanti. Situazioni che confermano come i cinque ragazzi abbiano definitivamente forgiato una propria identità nel panorama nostrano, non deludendo le aspettative e facendo sempre più passi da gigante. Thumbs up.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *