Dimartino – Monk, Roma

18 marzo 2016

Ora, sarà pur vero che un paese ci vuole, ma sapere di poter contare sull’affetto e la partecipazione della grande città, una città per giunta pure “straniera”, la Roma della ragazza di Una storia del mare, beh, sicuramente indifferente non lascia.

A distanza di dieci mesi dalla loro ultima apparizione, i Dimartino tornano in Capitale: sempre in quel del Monk, sempre alle prese con la promozione di Un paese ci vuole. E così come a maggio – io ero assente ma chi c’era mi ha parlato di un locale pieno e di una performance molto più tirata rispetto al suo ultimo parto discografico – lasciano il segno.

Probabilmente, oggi come ieri come domani, per lo stesso identico motivo: una buona tenuta del palco; liriche immaginifiche che non temono i contrasti netti (“Come una guerra torna la primavera“), storie ad alto grado di empatia in cui l’ascoltatore non può non lasciarsi risucchiare (Vincenzo e La vita nuova di lui), versi sloganistici che non chiedono altro che essere urlati insieme con chi li ha partoriti (“Se non fossimo noi due, saremmo altri due“).

Ma soprattutto un repertorio ampio abbastanza dal quale attingere una due tante belle canzoni che, alcune, dal vivo assumono più vigoria diventano meno perfettine e quindi – almeno per me – acquistano più fascino. Per esempio: Venga il tuo regno, Non siamo gli alberi, Come una guerra la primavera e La penultima cena. Se su disco cercano di suonare così fastidiosamente “in tiro”, sul palco vengono lasciate andare, guadagnandone in immediatezza. Urgenza comunicativa. Quella che apprezzo in Cara maestra abbiamo perso e che ho ritrovato solo parzialmente nei lavori successivi. Più pensati, ecco. Che non è un difetto, sia chiaro. Solo un gusto personale.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *