Graveyard – Innocence & Decadence

Graveyard - Innocence & DecadenceNuclear Blast, 12 t.

In un momento storico in cui persino i Radiohead hanno definitivamente abbandonato ogni fede nella chitarra, costruire un album attorno alla sei corde non è più solo una scelta stilistica, ma un atto politico. Che richiede anche un certo coraggio. Se non altro per ricordare che tappeti di rumore, batteria digitale, zaffate di archi e voci eteree hanno sì il loro valore, ma il rock, quello è un’altra cosa.

Tra i più coraggiosi ci sono indubbiamente i Graveyard, il quartetto svedese che dal 2007 sta provando a tenere il radical-chic lontano dal rock’n’roll, un po’ come dei Peshmerga della musica contro i fighetti coi risvoltini dell’ISIS. Per capire se ci stanno riuscendo, basta farsi colpire alla giugulare dai pezzi di metallo di Magnetic Shunk, brano di apertura del disco che rotola forte come una diligenza a duecento orari sul bordo di un canyon. In The Apple & the Tree ‘sti svedesi trovano anche il tempo per giocare a fare i Dire Straits, mentre Exit 97 e Never Theirs to Sell colpiscono duro con il classico uno-due tra ballata romantica e pezzo ululante per dire che no, non ci avrete mai, maledetti.

Non contenti di aver spaccato teste qui e lì, con Too Much Is Not Enough i Graveyard si lanciano in uno struggente tributo al rock di Jeff Buckley, seguito dal bombardamento a bassa quota di From a Hole in The Wall, un frullato di note basse e distorte che ci accompagna solido verso la fine del disco. Sia chiaro: Innocente & Decadence non reinventa nessuna ruota, non viaggia verso nuovi orizzonti né rivoluziona il genere. Ma se qualcuno lassù ha creato il fottuto rock, beh, probabilmente è così che andrebbe suonato. Amen.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *