Aquefrigide – Dinosauri

Aquefrigide - DinosauriSubsound, 11 t.

C’era un tempo in cui dischi come Un caso isolato e La razza avevano lasciato il segno grazie ad un algoritmo sonoro fatto di metal, devozioni al movimento grunge 90’s e soprattutto affascinanti ed inusuali liriche a metà tra sfoghi anticlericali e poesia nichilista. Un tempo che, se per un attimo ha rischiato di risultare perennemente remoto, per Aquefrigide oggigiorno consiste nel risveglio dall’oblio. Dinosauri, per la creatura di Simona La Muta, è un terzo atto consistente in una violenta imposizione, rigettando qualsivoglia normalizzazione, dentro e fuori le orecchie del prossimo: è quel metal che si fonde a certe tendenze elettroniche moderne e che è a sua volta la distruzione di ogni trasposizione modaiola, specialmente in merito al concetto di dubstep (Malumore), ed il raggiungimento di un eccesso post-moderno di industrial (Mai), ma anche la pesca libera di certe ramificazioni hip hop prossime a divenire spigolose (Bowie, le saltellanti pulsazioni ambient di Demoni), se non del rock, dalle basi 70’s (Vipere, mantra catalettico introdotto da citazionismo aerosmithiano), ad una resa odierna solo apparentemente basilare, eppure non meno incisiva (Veleno (Hell Remix)), passando per la cadenzata disperazione di Sale ed il contorto drum’n bass di Igloo, ed al contempo non risultando per nulla esente da certa intensità melodica (Pura Vida) tale da lasciare spazio alla ballata di turno, quella Cellula che funge da ripresa di Fragile No Elektro (da Un caso isolato). L’adeguata ciliegina sulla torta in uno scenario dove Aquefrigide non lascia alcuno scampo e rende Dinosauri un prepotente ed ineccepibile ritorno in auge. Da recuperare.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *