Pazi Mine – s/t

Il progetto musicale, che risponde al nome di Pazi Mine, nasce e si evolve grazie alla capacità espressiva di Sara Ardizzoni, compositrice, chitarrista e voce del gruppo, e di Francesco Artioli al basso, Marco Beiato alla chitarra e ai synth e Alessio Capra alla batteria.

Un quartetto che debutta, a quattro anni dalla nascita, con un album omonimo dalle tinte cupe e autunnali, malinconico e inquieto come il vivere quotidiano. Insicurezze, paure e ansie prendono forma in queste otto tracce, dove l’hard rock di base viene sapientemente accostato e melodie dolci e allo stesso tempo dolorose.

Standstill ne è una prova tangibile: la profonda voce femminile si insinua tra le potenza delle chitarre e le note più melodiche e intime, presentandoci così due facce della stessa medaglia. Una più rock, tagliente e pulsante, l’altra più sensibile, sussurrata e crudele. Il tutto coaudiuvato dalla scelta della lingua inglese, ideale per trasmettere lo stato di disagio e spleen presente in tutto il disco. Non mancano brani più energici come Witness of a Recurring Dream e Rip Yourself Open, Sew yourself Shut, come neppure brani più “emozionali”, come la bellissima Here.

Un infinito alternarsi di rabbia e tristezza, di inquietudine e rivoluzione, un continuo rimbalzare nella sfera delle emozioni più cupe: ecco il biglietto da visita dei Pazi Mine. Vale la pena ascoltare questo disco non una, ma più volte, e suggerne tutte le note, tutte le sfumature e le emozioni per potersi sentire capiti, confortati e rassicurati.

È un album nel quale specchiarsi, e perdersi.

Michela “Mak” De Stefani
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.