“Restare vivi – Un metodo”, Iggy Pop e Michel Houellebecq si raccontano su laF

Arriva in Italia in esclusiva su laF (Sky 135) il documentario “Restare vivi – Un metodo”, in onda in prima tv assoluta sabato 15 dicembre alle 22.10: due “giganti” della musica e della letteratura, Iggy Pop e Michel Houellebecq, si interrogano sulrapporto tra arte, sopravvivenza e follia, in un dialogo appassionato dedicato a tutti coloro “che non ce la fanno più e sono sul punto di mollare”.

Prima del romanzo Le particelle elementari, che lo consacrerà alla fama internazionale,Michel Houellebecq in un momento di forte depressione scrisse Rester vivant: méthode, un manuale di aiuto e sostegno psicologico per tutti coloro che vivono una forte condizione di disagio dovuta alla scelta di perseguire una qualunque forma d’arte. Diretto dai registi Erik LieshoutArno Hagers e Reinier Van BrummelenIggy Popnel documentario rilegge il saggio poetico del grande autore francese e insieme restituiscono una riflessione sul confine sottile tra individualità, eccentricità e follia, sugli spazi sempre più stretti in cui le persone ricercano il proprio equilibrio, sul ruolo dell’artista nella società e sulla possibilità che hanno le parole di salvarci la vita.

Già qualche anno prima di girare il documentario, Iggy Pop aveva scoperto di avere una certa affinità con Michel Houellebecq“Capii di avere in comune con lui l’interesse per il sesso, per la morte e per la razza umana. Leggevo i suoi testi e pensavo: Ah! Anche tu?”; dall’altra parte, anche Houellebecq era rimasto straordinariamente colpito da un album del grande musicista. Questa sintonia tra i due artisti prende corpo nel film, nel quale si intrecciano le storie di altre tre persone:Jerome, ex manager finito nel gorgo della malattia mentale che prova a ricostruirsi una vita dopo anni trascorsi in una clinica psichiatrica, Anne Claire, giovane poetessa con tendenze depressive e Robert, un artista che vive tra le sue opere. Provano tutti asublimare il dolore nell’arte, a cercare una strada di salvezza attraverso di essa.





Il risultato è un film esistenzialista, con un tocco di humour surreale e un messaggio di speranza al di là di ogni cinismo, nel quale due icone della musica e della letteratura invitano non solo gli artisti ma tutti coloro che si sentono feriti dalla vita a “tornare all’origine dell’esistenza, cioè alla sofferenza” e a spezzare la catena del dolore anche se il prezzo da pagare può essere la solitudine.

 “Restare vivi – Un metodo” (To Stay Alive: A Method, Paesi Bassi, 2016, 70’) è in onda su laF (Sky 135) sabato 15 dicembre 2018 alle 22.10 in prima tv assoluta, nella serata che la tv di Feltrinelli dedica al grande documentario d’autore.

loading...
loading...
Blogger a tempo pieno. Appassionato di televisione con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre, prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.