Taxi Waves, la serie di documentari sulla scena musicale elettronica in Africa

La mini serie in tre documentari che racconta la scena musicale elettronica in Africa e come questa influenzi i contemporanei trend occidentali

Taxi Waves è la mini serie in tre documentari che racconta la scena musicale elettronica in Africa, attraverso il sound e il lifestyle di alcune città come Maputo, Lagos e Addis Abeba.

La serie, disponibile in esclusiva su TIMVISION da oggi rivela i segreti delle produzioni africane e come queste influenzino artisti in America e in Europa. Un beat suonato dai più famosi dj nei locali di Londra, Berlino e New York, ma che ha la sua origine nel ritmo della Pandza e Marabenta in Mozambico, del Pon-pon sound nigeriano o della musica House fondendosi con il folklore etiopico.




Ogni puntata di 30 minuti racconta un viaggio tra musica e cultura, tra suoni e colori di un’industria che ha i suoi beniamini come dj Ardiles, Matilde Conjo, Teni (i suoi video musicali hanno oltre 10 milioni di visualizzazione in Internet), Slimcase,S imi, Betty G, Rophnan.

L’appuntamento per rivivere le suggestioni di questo movimento musicale è anche su TIMMUSIC, la piattaforma di TIM dedicata alla musica in streaming, dove gli appassionati potranno trovare la playlist Taxi Waves con tutti i brani più famosi.

 Prodotto da Controluce con TIMVISION, il soggetto è di Mikael Calandra Achode, la sceneggiatura di Mikael Calandra Achode e Tommaso Cassinis che ne ha curato anche la regia.

Blogger a tempo pieno. Appassionato di televisione con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre, prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: