Dilaila – Ellepi

Dilaila - EllepiLa prima cosa che mi viene in mente ascoltando l’ultimo lavoro dei Dilaila sono certi film anni ‘50/’60, uno su tutti “Vacanze romane”.

Saranno le ambientazioni quasi beat, sarà la voce stupenda di Paola Colombo mai così vicina a certi episodi di Matia Bazar e Mina, o tutto il vagone d’immagini e ambientazioni che proietta l’intero disco. Nelle nove tracce di “Ellepi” troviamo svariati momenti dove c’è spazio per un triste e rassegnato racconto della fine di una storia d’amore (Settembre), passando per attimi puramente ironici e cattivi come in Pensiero e Oh no!. Senza dimenticare testi più ambigui come Tutta l’aria che c’è e la triste e riflessiva Ally che si presta a più interpretazioni. Il finale invece è tutto per il miglior brano del disco. Il tamburo di latta, intensa e dolcemente malinconica in bilico tra il guardare indietro quello che è stato e il cercare di approcciarsi a un nuovo seppur triste futuro. Il tutto è suonato e arrangiato in modo elegante e ci si ritrova a canticchiare e ad avere fisso in testa certi passaggi davvero deliziosi.

Per una volta possiamo dire con grande piacere che la musica italiana non è morta e non è solo figlia di discutibili progetti e reality, ma che il cantautorato ha tirato fuori gli artigli e non ha bisogno di guardare fuori casa per trovare ispirazione.

Daniele Bertozzi

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *