Sigarette elettroniche: trovati pesanti metalli tossici nel liquido

loading...

Sigarette elettroniche: trovati pesanti metalli tossici nel liquido

All’interno del liquido utilizzato nelle sigarette elettroniche, che tanto stanno andando di moda da qualche mese a questa parte, sono stati trovati dei pesanti metalli tossici, tra questi il piombo, il cadmio, il cromo e l’arsemico.

E’ questo quanto emerso dopo le analisi effettuate dal Dipartimento di Farmacia dell’Università “Federico II” di Napoli. Il procuratore di Torino, Raffaele Guariniello, ha così aperto un nuovo fascicolo di indagine nell’ambito dell’inchiesta sulle sigarette elettroniche.

[adsense]

La cosa veramente preoccupante e allarmante è che in assenza di una normativa di riferimento, che stabilisca le sostanze ammesse e i relativi limiti, nelle ricariche delle sigarette elettroniche può finire veramente di tutto.

Una situazione che è stata definita “fuori controllo”, non solo perchè ci si trova in assenza di una regolamentazione di settore, ma anche perchè mancano dei controlli.

La cosa ancora più allarmante è che manca una vera e propria “valutazione del rischio”, per cui nessuno può stabilire gli effetti di una, seppur minima, quantità di arsenico o piombo assorbita dal corpo umano per inalazione.

A seguito dell’inchiesta, il Codacons ha chiesto di avviare subito analisi a tappeto sui liquidi delle sigarette elettroniche venduti in tutti i negozi d’Italia. In caso di prodotti che possano risultare pericolosi per la salute, il Ministero della Salute, sulla base del principio di precauzione, dovrà disporne il sequestro immediato.

[adsense]

I produttori, che sono stati invece contattati dal settimanle “Il Salvagente“, non hanno sottovalutato il problema e anzi hanno dichiarato di monitorare la presenza dei metalli pesanti e hanno chiesto urgentemente una regolamentazione che disciplini direttamente la produzione dei liquidi per le sigarette elettroniche.

2 Comments

  1. Vaper

    14 giugno 2013 at 8:35

    Pienamente d’accordo sul fatto che ci voglia regolamentazione, ma questa “bomba” sui metalli pesanti mi sa tanto di voglia di mettersi in mostra da parte di chi ha commissionato queste analisi (Il Salvagente). I metalli pesanti sono già presenti in molti cibi/bevande, in piccole percentuali, per non parlare dell’aria che respiriamo, ed il nostro corpo ha dei limiti di tolleranza in merito. Sono di parte? Si, ma non in quanto fumatore digitale, bensì in quanto fumatore e basta, che per 10 anni ha fumato qualcosa sul cui pacchetto c’era scritto che il fumo uccide.

  2. Azzurrina

    31 dicembre 2013 at 17:13

    Metalli pesanti? Se è così è piuttosto grave a mio giudizio. Sì, si trovano persino nell’aria, e ho letto che posso provocare malattie come Parkinson, tumori, etc.. Sarebbe opportuno fare delle verifiche, anche se dubito possano essere nocive quanto le tradizionali “bionde”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *