Las Kellies – Kellies

Las Kellies sono tre ragazze provenienti da Buenos Aires, Argentina. Sono già alla loro terza fatica con quest’album omonimo prodotto dall’etichetta Fire Records che è riuscita a dare un’impronta internazionale all’intero lavoro grazie anche all’aiuto di Dennis Bovell (già con The Slits) in fase di mixaggio. Appassionate di cultura nipponica, queste tre simpatiche ragazze cantano in spagnolo, catalano, francese, tedesco, portoghese e persino giapponese, appunto. Ma non credete che siano la solita band composta da riot – grrrls, il loro sound fa capolino nel post-punk degli anni Settanta con giri di basso à la Devo, schitarrate in power – chord e sezioni ritmiche strampalate che piacerebbero molto a David Byrne. Las Kellies sono riuscite a creare un perfetto mix tra garage-pop e punk dalle tinte funky, e risulta davvero sorprendente l’estrema facilità e destrezza con la quale queste ragazze padroneggiano la scena con canzoni mai ripetitive e che non scadono nei soliti cliché di genere. Canzoni orecchiabili che, via via, lasciano un senso di familiarità e la voglia di riascoltarle una seconda e terza volta.

Apre il disco Prince in Blue, un’ottima introduzione e una summa di quello che sarà il mood dell’intero disco. Keep the Horse è un brano vivace e schizofrenico con tanti riferimenti ai Talking Heads mentre Bling Bling è il pezzo più sfacciatamente funky. C’è anche il tempo per episodi più dilatati e impegnativi, come la strumentale Adwenture, segno che queste ragazze non sono solo l’immagine di se stesse ma sono dotate di un grande pregio, quella della creatività. Stesso discorso vale per Bife Dos, dove fanno capolino delle tastiere che ricordano le alienanti danze dei Cramps. Ma la vera “hit” dell’album è Perro Rompebolas, un flamenco ubriacato di punk – rock.

Infine, con Dance The Seance, la “nipponica” Totsunootoshigo e Suffisant i toni si ammorbidiscono e sembrano chiare le influenze beach – pop degli anni sessanta con riferimenti alle girl – band più “canoniche” come Vivian Girls e Best Coast.

Andrea Russo per Mag-Music

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *