Sony accusata di pubblicità ingannevole da un utente

Killzone-shadow-fall-ps4-wallpaper-in-hd

Che il mondo, e l’essere umano in generale, si stiano trasformando in fenomeni da baraccone non è certamente una novità, ma quando ci troviamo alle prese con la notizia che leggerete di seguito, inizierete seriamente a domandarvi fino a che punto una persona possa spingersi pur di accontentare la propria sete di denaro.

La nuova generazione di console vede due protagoniste indiscusse, PS4 e Xbox One. Tuttavia sin dalla loro release sul mercato, l’industria e il popolo di gamers pensano solo ed esclusivamente alla risoluzione dei nuovi videogiochi. C’è chi supporta la risoluzione nativa a 1080p in Full HD e chi invece resta ancorato ancora alle vecchie ottimizzazioni. Insomma, il tema della next gen non sembrano essere i giochi ma la loro ottimizzazione. E’ da qui che nasce tutta questa combriccola messa in piedi da Douglas Ladore, un videogiocatore californiano che ha mosso delle forti accuse verso la divisione Sony Entertainment Computer per aver realizzato una pubblicità ingannevole con la risoluzione di Killzone: Shadow Fall.

Lo sparatutto di Guerrilla ha accompagnato il lancio di Playstation 4 ma si è scoperto, solo da alcuni mesi, che la componente online del gioco non gira realmente a 1080p come precedentemente riferimento da Sony, ma è stata scalata alla risoluzione di 960 x 1080, quindi non è effettivamente una grafica Full HD.

Colto dal lampo di genio e dalle numerose locandine e spot TV pubblicati a ridosso del lancio, Ladore ha deciso di attuare questo piano lucratorio nei confronti del colosso giapponese, pretendendo la bellezza di $5.000.000 per diversi reati che includono: pubblicità ingannevole, rappresentazione errata negligente del prodotto e concorrenza sleale con tanto di frode nei confronti di Microsoft e Nintendo.

Non è ancora chiaro chi dei due riuscirà a spuntarla, ma se al giorno d’oggi si muovono accuse verso elementi del genere vuol dire che siamo davvero alla frutta. Ma poi, da quando un gioco va penalizzato così tanto per una semplice risoluzione? Il settore di videogiochi e non solo, è bello perchè vario. Quanto volte ci vengono promessi dei prodotti che in realtà non rispecchiano le nostre aspettative o quelle del mercato in generale? Quindi dovremmo accusare ognuna di queste software house per pubblicità ingannevole? Mah…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *