Laura Marling – A Creature I Don't Know

Voce graffiante e arrangiamenti ben costruiti, sempre in crescendo, sono i punti di forza di questo bel lavoro che è “A Creature I Don’t Know”, quasi una rivendicazione di forza e indipendenza artistica della giovanissima cantautrice anglosassone.

Capelli biondi e fattezze angeliche, la Marling, in realtà, sembra proprio un osso duro, determinata e risoluta come le dieci tracce che compongono questo terzo e maturo lavoro. D’altronde occorre non poco coraggio per proporre, alle soglie del 2012, un cantautorato folk con vene nostalgiche come questo e, al contempo, non scadere in facili cliché; ma che l’artista in questione ci sappia fare è evidente immediatamente, sin dall’apertura graduale e incalzante di The Muse.

Tema centrale dell’opera è il legame ancestrale fra eros e thanatos, amore e morte che si corteggiano e scontrano costantemente, in una danza rabbiosa come quella che campeggia nella copertina del disco o come la stupenda coreografia che accompagna il videoclip di I Was Just a Card. Ma, ovviamente, in tanta grinta, non mancano momenti d’intimità (per lo più sofferta) che culminano in The Beast e nella successiva e delicata Night After Night, con i suoi echi malinconici, ricordo di tempi passati.

Il timore di dischi piatti e banali viene, così, spazzato via da questo LP ben strutturato e onesto, con il quale la bella folk-singer d’oltremanica dimostra d’aver raggiunto un ineccepibile splendore artistico.

Annachiara Casimo per Mag-Music

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *