Bitcoin: tutte le novità in arrivo

I bitcoin sono la moneta, seppur virtuale, più discussa di sempre. La critica degli economisti si è sempre divisa tra chi ama e sostiene questa “cripto valuta” e chi, invece, ne sconsiglia l’utilizzo. Al momento, in Italia, così come in altri paesi del mondo, la valuta è legale anche se non viene regolamentata.

bitcoin trading

Senza entrare nel merito di questa diatriba vogliamo segnalare quelle che sono le prossime novità in arriva in ambito bitcoin. Grazie all’aiuto di TradingBitcoin24 abbiamo scoperto, ad esempio, che Circle, una importante banca americana creata appositamente per gestire affari in bitcoin ha sviluppato e diffuso un’applicazione Android per il calcolo e la conversione di bitcoin nelle altre valute. La stessa applicazione è disponibile anche per Android Wear rendendo, di fatto, possibile controllare il valore della cripto moneta direttamente dal proprio polso.

Questo annuncio fa capire quanto stia diventando popolare questa moneta nell’uso quotidiano delle persone. E la tendenza sembra essere tutta a suo favore come testimonia la classifica delle frasi più cercate su internet nel corso del 2014: “Whatis a Bitcoin?” è la quarta frase più cercata dagli americani.

Questo dimostra che c’è molto interesse in merito ma, ancora, vi è la necessità di comprenderne bene i meccanismi che ne regolano valore e contrattazione. A questo proposito, infatti, ci auspichiamo che possa essere promossa una maggiore informazione finanziaria in merito per far si che tutti ne possano comprendere i meccanismi.

Ma cosa sono i bitcoin e come funziona questa moneta?

Il Bitcoin altro non è che una valuta internazionale, che ha una particolarità non indifferente: non è legata a nessun paese. Questo, di fatto, la rende libera da ogni controllo e non influenzabile dalle sorti dell’economia di un paese. Questo aspetto, specialmente in questo particolare contesto economico la rende molto appetibile nonostante le sue quotazioni siano in calo.

La valuta è stata progettata con un sistema informatico molto complesso che ne regola l’emissione senza passare per alcuna banca. Al momento l’emissione di Bitcoin prevede un tetto massimo (21 milioni) raggiunti i quali non potrà essere emessa nuova moneta per evitare un’eccessiva inflazione della valuta. Non essendoci una banca centrale, infatti, il bitcoin viene regolato da un algoritmo informatico creato dal fantomatico Satoshi Nakamoto nome che si pensi possa essere di fantasia per nascondere il vero ideatore di questa valuta.

3 Comments

  1. Luca Spinelli

    16 febbraio 2015 at 12:41

    Piccola precisazione: Il numero massimo di Bitcoin è fissato a 21 milioni non 30.

  2. ziomik

    16 febbraio 2015 at 21:07

    E non è virtuale, tutt’altro.. è una moneta elettronica

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *