Arredare una casa in città: consigli per risparmiare

PariDispariPer arredare una casa in città senza avere troppi soldi in tasca bisogna sapere dove cercare mobili, elettrodomestici e dispositivi a basso prezzo e usare un po’ di intelligenza. Non sono necessari grossi investimenti per avere una casa accogliente e piacevole: con un budget limitato e tanta fantasia si può creare un arredamento coi fiocchi. Vediamo qualche consiglio per arredare una casa in città risparmiando.

Arredare fa rima con risparmiare: consigli per una casa in città

Prima di mettere mano al portafoglio e comprare l’arredamento per la casa, è importante fissare un budget. Stabilire il tetto di spesa massimo e decidere le priorità aiuta a evitare acquisti inutili.
Fissati budget e priorità, bisogna scegliere lo stile da dare alla propria casa: uno stile semplice e pulito è sicuramente più economico rispetto a stili più elaborati, ricchi di complementi d’arredo chic o sfarzosi.

Per acquistare i mobili senza spendere un capitale, la soluzione è affidarsi a catene e negozi di arredamento low cost, alcuni dei quali famosissimi: in questo modo si può arredare l’intero appartamento risparmiando un bel gruzzoletto, che può essere messo da parte per altre spese.

Non è una cattiva idea nemmeno fare un bel giro nei mercatini dell’usato, ormai diffusi in tutte le città: un vecchio quadro, un mobile ancora in buono stato, una mensola per poggiare libri o oggetti di design…le occasioni si nascondono ovunque! Inoltre, possiamovisitare gli e-commerce dedicati all’arredamento e cercare l’occasione che fa per noi.

Un’altra opportunità è il riuso dei mobili vecchi: un mobile un po’ malandato può trovare nuova vita in uno sgabuzzino, magari come portascarpe: in un epoca di crisi come questa, il riciclo è indispensabile.

Una parte che non va assolutamente trascurata è l’impianto elettrico: risparmiare, in questo caso, non significa acquistare prodotti di bassa qualità, ma scegliere gli store giusti (come Punto Luce) dove comprare e affidarsi ai marchi più conosciuti e sicuri, come Bticino. Gli interruttori Bticino, ad esempio, sono una perfetta sintesi fra risparmio e qualità: per esempio, la serie Matix, con la sua semplicità e i tanti colori, impreziosiscono l’arredamento senza dare nell’occhio.

Arredare le pareti: spazio alla creatività

Per arredare le pareti, basta dare sfogo alla fantasia: una libreria low-cost (con libri veri, però!) arreda e copre eventuali imperfezioni, così come le stampe (facilissime da trovare online), i poster e gli stickers. Con un po’ di creatività è possibile dare un tocco di vivacità alle pareti e al soffitto. In commercio, inoltre, si trovano bellissime carte da parati che possono creare armonia fra mobili e pareti e allo stesso tempo arricchire la casa.

Alcuni blog propogono usi innovativi di oggetti d’arredo d’uso quotidiano utilizzati per scopi diversi: per esempio, una sedia pieghevole, appesa al muro, può diventare un originale appendiabito o guardaroba, oppure un eccentrico complemento d’arredo: non mettiamo vincoli alla fantasia, soprattutto se il budget è limitato. Ma occhio a non trasformare la casa in una mostra di arte moderna!

Detrazioni fiscali per arredi e ristrutturazioni: cosa dice la legge

La legge di stabilità 2016 ha stabilito dei bonus per la ristrutturazione delle casa, l’efficienza energetica e l’acquisto di mobili.

La legge prevede la detrazione Irpef al 50% per l’acquisto di elettrodomestici di classe A+ o superiore e mobili per case in ristrutturazione, ma con un tetto di 10mila euro. Le giovani coppie potranno usufruire di uno sconto del 50% (tetto a 16mila euro) sui mobili se hanno comprato una prima casa.
Per quanto riguarda le ristrutturazioni, è prevista una detrazione Irpef al 50% con tetto massimo di 96mila euro per il 2015, al 36% con tetto massimo a 48mila per il 2017: se avete intenzione di restaurare, risanare o fare manutenzione è l’occasione giusta. I bonus valgono sia per le singole residenze che per le parti comuni dei condomini

1 Comment

  1. Monica

    26 gennaio 2016 at 18:29

    Non sapevo delle detrazioni fiscali, ne approfitterò! Per quando riguarda risparmiare sui mobili per la casa la mia esperienza è che alla fine negli anni le cose si rompono e spendi di più a comprarne altre quindi adesso faccio meta e metà fra catene low cost e siti online tipo Archiproducts che vende cose più resistenti….ciao!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.