The Zen Circus – Metal Arcade EP Vol.1

The Zen Circus - Metal Arcade EP Vol.1Guardando il panorama pisano, ci si chiedeva quale destino sarebbe toccato a un progetto che inizialmente era previsto per il maggio dello scorso anno, finché non si è scoperto che bastava semplicemente aspettare alcuni mesi. Di chi e di cosa si sta parlando? Degli Zen Circus, che, durante la lavorazione di “Nati per subire“, non hanno fatto a meno di sbizzarrirsi con un progetto come “Metal Arcade“, che li vede faccia a faccia con loro stessi, con gli esordi e soprattutto con il mondo dell’hardcore punk. Averci a che fare significa anche spartirsi le opinioni, i punti di vista e… la voce. E se è vero che, oltre ad Andrea Appino, in questo primo volume è possibile godere della performance canora di Ufo e di Karim Qqru, è anche chiaro che, tra covers (Poliisi pamputtaa taas degli Eppu Normaali, Where Eagles Dare, registrazione inedita dei Misfits), retrospettive personali (Mexican Requiem e Hillie Billie Cab Driver per l’esordio “Visited by the Ghost of Blind Willie Lemon Juice Namington IV”, punto di partenza del primo periodo, e una Vent’anni che se la gioca con la versione originale presente in “Villa Inferno”, secondo atto del passaggio al secondo) e qualche inedito (Punk-Oi Puppy Sex 2001), anche quando si tratta di divertirsi e di lasciare per un momento il posto alla follia questo trio sa come convincere e giungere al punto. It’s punk time!

Gustavo Tagliaferri

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *