Forex: il cambio euro dollaro attende mosse Fed

In quella che è stata denominata la “settimana delle banche centrali“, sul forex i cambi sono molto prudenti. In particolare il cross euro dollaro sembra essersi preso una pausa in attesa delle parole della Fed che, secondo gli analisti di forexdem, dovrebbe rimandare eventuali aumenti dei tassi a non prima di Giugno.

forex euro dollaro

Una mossa che, di fatto, darebbe una nuova spinta alle borse e ai mercati finanziari che, in questo modo, potrebbero ridare slancio ai rialzi della scorsa settimana. Oltre alla Fed questa settimana sarà la volta anche della Banca centrale Svizzera e di quella Inglese chiamate anch’esse a decidere sull’andamento dei tassi.

La sensazione diffusa negli ambienti legati alla finanza e, in particolar modo al forex, sembra essere quella di un avvicendamento comune ai tassi negativi o, nel caso della fed, di un rialzo molto più graduale del previsto. Di fatto è come se Draghi avesse tracciato una linea da seguire i cui effetti sono stati, nell’immediato, piuttosto significativi.

Ma al di la del forex e del trading gli effetti di queste decisioni sono molto importanti sull’economia reale, quella fatta di persone e aziende oltre che di numeri. La bce, infatti, applicherà uno sconto sui prestiti alle banche che utilizzeranno quei soldi per girarli a famiglie e imprese.

L’effetto potrebbe essere quello di avere, finalmente, maggiore liquidità sul territorio, oltre che nelle casse degli istituti di credito, cosa che potrebbe dare nuovi stimoli all’economia del paese rilanciando i consumi interni.

Per quanto riguarda il forex, invece, c’è da tenere d’occhio l’andamento dell’euro che, qualora dovesse tornare sotto area 1,10 potrebbe riprendere la discesa interrotta ad inizio anno. Una discesa verso la parità che darebbe ulteriore stimolo all’economia dell’eurozona. Nel complesso, quello che possiamo dire, è che ci troviamo in un momento davvero cruciale. Nei primi 2 mesi del 2016 il contesto finanziario mondiale stava facendo presagire l’arrivo di una imminente e catastrofica nuova crisi.

Con le ultime mosse le banche centrali sembrano aver ottenuto nuovo tempo, a disposizione della politica per poter introdurre quei cambiamenti necessari a far ripartire l’intero ciclo economico. Bisognerà capire se ne approfitteremo o se sarà l’ennesima occasione sprecata.

loading...
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *