Scegliere un conto bancario: le opportunità dell’online banking per limitare le spese

Conto-Corrente-onlineEssere titolari di un conto bancario a spese basse o pari a zero è uno degli interessi maggiori dei clienti delle banche. Nel 2016, grazie all’avvento dell’online banking, sul mercato si possono trovare nuove formule di conti correnti online, le cui spese sono contenute e talvolta inesistenti.

Ad oggi sono circa 16,6 milioni gli italiani che hanno aderito all’opzione di un conto online, ossia circa il 57% dei titolari di un qualunque conto bancario. Questa cifra è destinata ad aumentare nel corso dei prossimi anni, grazie sia alla convenienza, che alla comodità, che alla sicurezza di questo nuovo modello di risparmio.

Le banche dirette, in merito all’assenza degli sportelli, operano a distanza e per questo offrono al cliente un prodotto più economico, che prevede l’azzeramento del canone e la limitazione o l’eliminazione o delle principali operazioni bancarie. Le banche online sono un’ottima opportunità, ma il ventaglio è sempre più  ampio e quindi il cliente deve scegliere la soluzione più adatta alle sue esigenze.

Valutare i costi di un conto corrente è fondamentale: solitamente sono previsti costi fissi e costi variabili: tra i costi fissi rientrano il canone annuo connesso ad eventuali carte di debito e di credito, le imposte di bollo, le spese per l’invio delle comunicazioni al cliente; i costi variabili, a differenza dei fissi, invece dipendono dal numero e dal tipo di operazioni effettuate (prelievi, F24 ecc.).

Per risparmiare su queste spese basta informarsi sulle opzioni offerte dal mercato: da investire 24, vediamo come ad esempio nel 2016 si possono trovare conti a zero spese dedicati ai giovani, che sono di facile accessibilità e che possono garantire zero costi per un periodo di 30 anni.

Per verificare l’effettiva convenienza di un conto bancario bisogna valutare gli interessi e se l’istituto addebita o meno l’imposta di bollo, ossia la tassa imposta dallo stato sul possesso del conto, il cui costo annuale è pari a 34,20 euro. Alcune banche offrono il bollo gratuito, sebbene questa opzione possa essere vincolata ad alcune condizioni che il cliente deve rispettare. Esistono infatti tre tipi di conti correnti: quelli con un costo pari a zero, quelli con un costo fisso basso e quelli he prevedono un costo fisso pari a zero se il cliente rispetta le condizioni stabilite nel contratto. In questi primi mesi del 2016 tra i conti bancari online con costo fisso basso più adoperati spicca Conto Click. Tra i conti che prevedono zero spese troviamo Conto Arancio, Fineco e Conto Corrente CheBanca. Il conto a zero spese tra i più scelti c’è quello offerto da Banca Mediolanum.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *