Rassegna stampa dal mondo del 20 settembre

Riprendono i bombardamenti in Siria; gli italiani rapiti in Libia.

Rassegna stampa

Bombardamenti in Siria – Foto Reuters

Bombardato un camion che trasportava aiuti umanitari in Siria. È successonella città di Urm al Kubra, vicino ad Aleppo. Il governo statunitense ha espresso “indignazione” per l’accaduto, avvenuto il pomeriggio del 19 settembre, poco dopo la fine della tregua nel paese. Prima che scadesse il termine previsto dall’accordo tra Stati Uniti e Russia, l’esercito fedele al regime di Bashar al Assad ha dichiarato concluso il cessate il fuoco. Secondo i militari siriani, i ribelli non hanno rispettato i termini imposti dall’accordo e secondo la Russia gli Stati Uniti hanno bombardato l’esercito siriano.

Rapiti due italiani e un canadese in Libia. Sono stati sequestrati a Ghat, una cittadina nel sudovest del paese. Secondo i mezzi d’informazione locali, sarebbero stati rapiti da criminali locali e non da gruppi jihadisti. I sequestratori erano a bordo di due auto e hanno immobilizzato l’autista che li trasportava. I due italiani, Bruno Cacace e Danilo Calonego, lavorano per l’azienda piemontese Con.I.Cos, che si occupa di manutenzione all’aeroporto di Ghat.

Arrestato il sospetto per le bombe a New York. Ahmad Khan Rahami, 28, afgano naturalizzato statunitense, è stato arrestato dalla polizia a Linden, nel New Jersey, dopo una sparatoria. Ahmad Khan Rahami è sospettato di essere responsabiledell’esplosione di una bomba il 17 settembre nel quartiere di Chelsea, a Manhattan, che ha ferito 29 persone, e di altri due episodi collegati all’attentato. Le autorità statunitensi sono caute nel collegare le azioni di Ahmad Khan Rahami con il terrorismo internazionale anche se sembra evidente che la matrice delle azioni sia da ricondurre all’estremismo islamico.

Nuove scosse di terremoto in provincia di Rieti. Un sisma di magnitudo 4,1 è stato registrato all’1.34 del 20 settembre. L’epicentro si trovava tra Amatrice e Accumoli, a una profondità di circa dieci chilometri. Ci sono state altre scosse di minore potenza nelle ore successive. Al momento non si segnalano danni. Nella notte tra il 23 e il 24 agosto queste zone dell’Italia centrale sono state colpite da un forte terremoto che ha causato 297 morti.

Oggi si vota in Giordania. Per la prima volta, si vota con un sistema proporzionale. Le consultazioni si tengono dopo che a maggio il re Abdullah II, che guida il regno hashemita, ha sciolto il parlamento nominando un premier ad interim. La Giordania, alle prese con la crisi economica e con quella dei profughi potrebbe essere spinta verso la democrazia dal voto dei giovani, la fascia più colpita dalla disoccupazione.

Quattromila migranti abbandonano un campo profughi a Lesbo dopo un incendio. Le fiamme hanno distrutto diverse abitazioni e tende nel campo di Moria, sull’siola greca di Lesbo. Non si segnalano feriti e alcuni di loro sono riusciti a rientrare nella struttura. Non si sa ancora perché sia scoppiato l’incendio. È stato danneggiato il 30 per cento del campo.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *