Rassegna stampa dal mondo dell’8 novembre

In primo piano l’election day americano.

La rassegna stampa con le notizie di oggi da tutto il mondo di martedi 8 novembre 2016.

Rassegna stampa

Bill e Hilary Clinton

Gli Stati Uniti al voto. Hillary Clinton ha chiuso la sua campagna elettorale a Philadelphia e ha lanciato il suo ultimo spot, un video di due minuti intitolato Tomorrow. Donald Trump, invece, nell’ultimo giorno di campagna era a Scranton, in Pennsylvania. Secondo la media degli ultimi sondaggi, Hillary Clinton è in vantaggio di tre punti su Donald Trump. Il primo stato ad aprire le operazioni di voto è stato il New Hampshire. Le urne chiuderanno tra mezzanotte e le sei del mattino di mercoledì (ora italiana). Il 45° presidente degli Stati Uniti dovrà conquistare 270 dei 538 grandi elettori. Non si voterà solo per eleggere il presidente: si rinnoverà anchetutta la camera dei deputati e un terzo del senato e in molti stati i cittadini voteranno per scegliere i nuovi governatori e si esprimeranno su una serie proposte di iniziativa popolare.

Scoperta una fossa comune a sud di Mosul, in Iraq. Sostenuti dai bombardamenti della coalizione internazionale, diverse centinaia di peshmerga curdi sono entrati nella città irachena di Bashiqa, che si trova 13 chilometri a est di Mosul. Nell’operazione è stata scoperta una fossa comune con almeno cento corpi. Non si ferma comunque la resistenza dei miliziani del gruppo Stato islamico che usano trappole esplosive e attacchi suicidi per ostacolare gli avversari.

I deputati dell’Hdp boicotteranno il parlamento turco. La decisione dei deputati del Partito democratico dei popoli (Hdp), formazione politica filocurda e terza forza politica del paese, è un segnale di protesta in seguito all’arresto di nove suoi parlamentari, accusati di avere rapporti con il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) che in Turchia è considerato fuorilegge. I deputati boicotteranno i lavori del parlamento e delle commissioni, ma non si dimetteranno perché un tale gesto significherebbe regalare il paese al presidente Erdoğan.

Esclusi dal parlamento cinese due politici indipendentisti di Hong Kong. Il Congresso nazionale del popolo ha stabilito che tutti i parlamentari quando prestano giuramento devono dichiarare che Hong Kong è parte della Cina: i due indipendentisti, eletti a settembre, si erano invece presentati all’insediamento con striscioni su cui era scritto “Hong Kong non è la Cina” e avevano volutamente prestato giuramento storpiando le parole del testo.

Si apre a Marrakech la ventiduesima conferenza sui cambiamenti climatici.È il primo appuntamento dopo l’entrata in vigore dell’accordo di Parigi, che ha fissato l’obiettivo di contenere l’aumento di temperatura del pianeta entro i 2 gradi centigradi sopra il livello preindustriale. Durante la conferenza dovrebbero essere delineati i dettagli che porteranno al taglio delle emissioni di gas serra e alla verifica dei progressi. Tuttavia, poiché l’accordo di Parigi si basa su impegni volontari degli stati e le misure possono avere un impatto sulle economie nazionali, si prevedono negoziati difficili. Fino al 18 novembre saranno anche discussi temi come il coinvolgimento dei soggetti non statali e gli aiuti ai paesi in via di sviluppo.

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega rieletto per il terzo mandato consecutivo. Dopo lo spoglio dei due terzi dei voti delle presidenziali l’ex leader della guerriglia sandinista è in testa con il 72 per cento dei voti, contro il 14,2 per cento del suo avversario più quotato, Maximino Rodríguez. Ortega si è presentato alle elezioni con sua moglie, Rosario Murillo, come vicepresidente.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *