Rassegna stampa dal mondo del 21 dicembre

In primo piano allerta terrorismo in Europa.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Almeno 31 morti per una serie di esplosioni a un mercato di fuochi d’artificio in Messico. I feriti sono 72, tra cui alcuni riportano ustioni gravi su gran parte del corpo. Dal 2005 è il terzo incidente del genere a colpire il mercato di San Pablito, alla periferia nord di Città del Messico, dove i messicani vanno a comprare i fuochi d’artificio per le festività. Le autorità non hanno ancora chiarito da dove abbiano avuto origine le esplosioni.

Continuano le ricerche del responsabile dell’attentato di Berlino. Dopo aver rilasciato il richiedente asilo pachistano sospettato dell’attacco al mercatino di Natale, la polizia tedesca continua a cercare l’uomo che la sera del 19 dicembre ha ucciso 12 persone e ne ha ferite altre 49 scagliandosi contro la folla con un camion. Tra le vittime ci sono anche degli stranieri e in Italia si teme per la vita di Fabrizia Di Lorenzo, 31 anni, di Sulmona, di cui non si hanno notizie e il cui telefonino è stato trovato sul luogo dell’attentato. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo Stato islamico, che non ha identificato l’attentatore né ha fornito prove sostanziali del suo coinvolgimento.

In cinque giorni 25mila persone hanno lasciato Aleppo. Secondo il comitato internazionale della Croce rossa l’evacuazione di Aleppo est ha permesso di trasferire 25mila persone fuori città. Il 19 dicembre il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato all’unanimità una risoluzione chiedendo il dispiegamento sul territorio degli osservatori dell’Onu e di altre organizzazioni per monitorare l’evacuazione. Il 20 dicembre il governo siriano ha dichiarato che permetterà agli operatori di entrare in città. L’Onu ha poi approvato l’invio di venti osservatori. Ad Aleppo rimangono tremila persone in attesa di essere trasferite.

Più di venti morti a Kinshasa nelle proteste contro il presidente Joseph Kabila. Il bilancio è stato reso noto dall’ufficio dell’Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite, ma è contestato dal governo congolese, che parla di nove morti, tra cui un poliziotto. Ci sono stati scontri anche a Lubumbashi, nel sudest del paese, dove 74 persone sono state arrestate.

Il presidente uscente Barack Obama vieta le trivellazioni offshore nell’oceano Atlantico e del mare Artico. A un mese dalla fine del suo incarico, Obama consolida la sua azione a tutela dell’ambiente vietando in maniera permanente le attività petrolifere in decine di milioni di chilometri quadrati di acque territoriali statunitensi nell’Atlantico, compresi i canyon sottomarini, e nell’Artico. Una misura simile è stata annunciata in contemporanea dal premier canadese Justin Trudeau. Molti si aspettano che la misura sarà contestata dall’amministrazione Trump.

Il gruppo Stato islamico rivendica l’attentato a Karak, in Giordania. Lo denuncia il gruppo Site, che monitora le attività online dei jihadisti. Il 18 dicembre nove cittadini giordani e una turista canadese sono rimasti uccisi in una sparatoria nella fortezza d’epoca crociata della città, una nota attrazione turistica. Le autorità giordane hanno lanciato una caccia all’uomo alla ricerca di complici dei quattro islamisti che hanno compiuto l’attentato e alcune agenzie parlano di pesanti scontri a fuoco in un villaggio poco distante da Karak. Secondo l’Afp durante la sparatoria quattro agenti delle forze di sicurezza giordane sono rimasti uccisi.

Bocciato il bilancio previsionale della giunta Raggi. L’organo di revisione finanziaria del Campidoglio (Oref) ha bloccato il bilancio di previsione del 2017 che oggi doveva essere presentato in consiglio comunale. Il presidente del consiglio comunale Marcello De Vito ha quindi comunicato la sospensione della seduta del 20 dicembre e la non convocazione di quella del 21 dicembre. L’approvazione del bilancio rischia di slittare all’inizio del 2017.

Papa Francesco ha nominato Barbara Jatta nuova direttrice dei Musei Vaticani. A partire dal 1 gennaio 2017 la dottoressa Jatta sostituirà Antonio Paolucci, 77 anni, che dirigeva l’istituzione vaticana dal 2007. Romana di 54 anni, Jatta era vicedirettrice dei musei dal giugno del 2016. È la prima volta che una donna dirige i Musei Vaticani.

È morta Michèle Morgan. L’attrice francese, il cui vero nome era Simone Renée Roussel, è stata una delle grandi dive del cinema francese, la prima a ricevere il premio per la migliore interpretazione femminile al festival di Cannes, nel 1946, per Sinfonia pastorale di Jean Delannoy. Tra i suoi film più celebri Il porto delle nebbie (1936) di Marcel Carné. Aveva 96 anni.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *