Archivi tag: Gudars Skymning

Gudars Skymning – Höj Era Glas

[adsense]

È dalle fredde lande scandinave, care ai noti Opeth, Candlemass e In Solitude, che provengono i Gudars Skymning, che entrano in carreggiata con un album denso di energia. Si notano immediatamente gli intenti aggressivi della band che, con toni prorompenti, inonda i nostri timpani con riff e ritmi serrati. “Höj Era Glas” è un album che presenta le sonorità peculiari dell’hard-rock settantiano, mascherato attraverso una distorsione più satura e grintosa.

Questa è solo la tela del quadro sulla quale gli “Dei del crepuscolo” dipingono, il vero e proprio lavoro si colora di note blues dando vita ad un lavoro progressive-rock. È la title track ad aprire l’album, un esplicito invito ad unirci al banchetto, un brano dal ritmo cadenzato dalla batteria di Dennis Sjödin, sulla quale le chitarre ed il basso tessono un drappeggio completato dalla linea vocale profonda e graffiante di Kenny-Osvald Dufvenberg.

Con entusiasmo ci si addentra nell’ascolto della seconda traccia, la quale innalza di molto il livello adrenalinico, ritrovandoci inaspettatamente a far ciondolare la testa a tempo di riff: un sentimento di divertimento pervade il nostro animo. L’intero album è avvolto da un’atmosfera festosa e goliardica. Una particolarità da non sottovalutare è l’assenza di una ballad, che sta a sottolineare la marcata personalità del gruppo scandinavo e che della quale non se ne sente la mancanza.

Questo lavoro sancisce il raggiungimento di un’identità da parte della band, e lo si può affermare in riferimento ai primi album, in cui erano molto più forti le influenze provenienti da altri gruppi della scena rock degli anni settanta. Sebbene la forte somiglianza delle dieci tracce sia forte, ciò che può essere ritenuto un punto debole, passa in secondo piano venendo così ubriacati dalle aspre note blues. Si consiglia pertanto di lasciarsi inebriare dai toni a tratti dolciastri e a tratti amari, di alzare i calici ed unirsi al banchetto!

Andrea Salvioni

[adsense]

Gudars Skymning – Mörka vatten

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da ammiccamenti più o meno evidenti alle care e tanto amate (per alcuni) sonorità anni ‘70. Questo è un dato di fatto, la lista dei nomi si fa sempre più corposa. La genovese BloodRock, da sempre attenta e famelica di nuovi talenti, sembra essersi invaghita più di altri di questi suoni rocciosi e crudi. Dopo la fortunata produzione degli italianissimi Graal, si sposta verso le terre delle rune alla ricerca di ruvidi mostri elettrici.

I Gudars Skymning sono quattro vichinghi armati di chitarre sature e marmoree. Più robusti dei loro conterranei Graveyard si muovono prevalentemente nello stesso ambiente: nelle loro vene scorre un magmatico cocktail di torbido hard blues monolitico e solido. Masticano melodie straziate da cataclismi ritmici e chitarre nerborute. Più divertenti dei Sahg e Sabbathiani quel tanto che basta, i Gudars sembrano ossessionati da un Hendrix sommerso da tonnellate di watt tanto da sfiorare la citazione in Jag ar en trollkard. Continua la lettura di Gudars Skymning – Mörka vatten