Rassegna stampa dal mondo del 12 gennaio

In primo piano i discorsi e le accuse di Trump praticamente a tutti.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Donald Trump

Incendio in un capannone occupato da migranti a Sesto Fiorentino, un morto. La vittima è un somalo di 35 anni, altre due persone sono rimaste intossicate. L’incendio è scoppiato la sera dell’11 gennaio in un ex mobilificio dove vivevano in condizioni precarie un centinaio di immigrati in gran parte originari del Corno d’Africa. L’edificio era occupato dal dicembre del 2014. Il comune di Sesto Fiorentino ha allestito delle tende dove ospitare temporaneamente le persone rimaste senza un tetto.

La Volkswagen accetta di pagare 4,3 miliardi di dollari di multa agli Stati Uniti. La casa automobilistica tedesca si è dichiarata colpevole di tre diversi capi d’accusa in relazione allo scandalo delle auto diesel vendute negli Stati Uniti, che sarebbero state sottoposte a test delle emissioni truccati. L’azienda avrebbe inoltre cercato di occultare la manipolazione dei risultati. Lo scandalo è emerso nel settembre del 2015. Il dipartimento di giustizia ha inoltre fatto sapere che sei dirigenti dell’azienda saranno incriminati.

Donald Trump attacca i giornalisti alla sua prima conferenza stampa. L’11 gennaio il presidente eletto degli Stati Uniti ha convocato la stampa per rispondere dei suoi rapporti con la Russia, in particolare riguardo all’ipotesi che Mosca abbia interferito con le presidenziali statunitensi. Secondo Trump il dossier presentato poche ore prima all’Fbi, che contiene dure accuse contro di lui, è pieno di “notizie false” che non avrebbero dovuto essere pubblicate. Trump ha detto di pensare che l’attacco informatico al comitato nazionale democratico sia stato colpa della Russia. Ha fatto sapere inoltre che non pubblicherà le sue dichiarazioni dei redditi e che cederà il suo impero ai figli.

Nel 2016 in Germania sono calate drasticamente le richieste d’asilo. L’anno scorso i richiedenti asilo arrivati in territorio tedesco stati solo 280mila, contro gli 890mila del 2015. Secondo il ministro dell’interno Thomas de Maiziere la diminuzione è legata alla chiusura della rotta balcanica e all’accordo sui migranti tra l’Unione europea e la Turchia. Più di un terzo delle richieste d’asilo è stato presentato da siriani (36 per cento), seguiti da afgani, iracheni, albanesi, iraniani ed eritrei.

Il governo giapponese lascerà abdicare l’imperatore Akihito alla fine del 2018. Il 1 gennaio 2019 potrà salire al trono il principe ereditario Naruhito. Il parlamento giapponese deve approvare una legge speciale per permettere all’attuale imperatore di abdicare, dal momento che tutti i suoi predecessori sono rimasti al potere fino al momento della loro morte.

Il presidente del Gambia non si dimetterà fino a maggio. Nonostante abbia perso le ultimi elezioni, un risultato che contesta, Yahya Jammeh ha detto che non si dimetterà fino a maggio, quando è atteso il verdetto della corte suprema sul voto. Il presidente eletto Adama Barrow, invece, vuole tenere la cerimonia d’insediamento la settimana prossima.

Negli Stati Uniti è stata eseguita la prima condanna a morte del 2017.Christopher Wilkins, 48 anni, è stato ucciso con un’iniezione letale in Texas. Era stato riconosciuto colpevole di un duplice omicidio a Fort Worth nel 2008.

Un tribunale egiziano ordina il congelamento dei beni di due ong. Colpiti dal provvedimento il gruppo Nazra per gli studi femministi e la sua direttrice Mozn Hassan, e l’Organizzazione per la riforma penale araba e il suo fondatore Mohamed Zarea. È l’ennesimo giro di vite contro le ong in Egitto. Cinque anni fa le autorità egiziane hanno aperto un’inchiesta sui finanziamenti illeciti dall’estero ai gruppi della società civile, nel corso della quale sono stati incriminati molti noti attivisti per i diritti umani.

Rivelato il titolo del nuovo romanzo di Haruki Murakami. Si chiamerà Kishidancho goroshi (L’omicidio del commendatore) e sarà diviso in due parti, che usciranno in contemporanea il 24 febbraio. L’ha reso noto la casa editrice giapponese Shinchosha. L’ultima opera dell’acclamato scrittore giapponese è arrivata all’editore sotto forma di un manoscritto di duemila pagine da 400 caratteri ciascuna.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *