Rassegna stampa dal mondo del 16 gennaio

In primo piano aereo precipitato in Kirghizistan provocando 32 morti.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Foto Reuters

Un aereo da carico precipita in Kirghizistan: 32 morti. Un volo turco che trasportava merci partito da Hong Kong è caduto sopra alcune case vicino all’aeroporto di Manas, a circa 25 chilometri dalla capitale Bishkek. L’ha confermato il governo locale. Tra le vittime ci sarebbero anche dei bambini. L’aereo, un Boeing 747, avrebbe dovuto fare tappa all’aeroporto di Manas. L’aereo è precipitato alle 7.30 (ora locale). La visibilità era scarsa, ma le cause dell’incidente non sono ancora chiare.

Per Donald Trump la politica di Angela Merkel sui migranti è “catastrofica”. Il presidente eletto statunitense, in un’intervista al giornale britannico The Sunday Times, ha definito la Brexit “una grande cosa” e ha dichiarato che la cancelliera tedesca ha fatto “un errore catastrofico” a far entrare nel suo paese un milione di migranti. Trump ha definito Merkel la più importante leader europea e ha aggiunto che l’Europa è ormai diventata “un veicolo per la Germania”. Trump ha anche confermato che vuole rafforzare i controlli alle frontiere statunitensi e ha fatto intendere che potrebbe approvare delle restrizioni anche nei confronti dei cittadini europei che viaggiano negli Stati Uniti.

Almeno 26 morti in una rivolta nel carcere di Alcacuz, in Brasile. Il pomeriggio del 14 gennaio gli scontri tra due gang rivali hanno dato origine a un’insurrezione durata circa 14 ore nel carcere di Alcacuz a Natal, nello stato del Rio Grande do Norte. Diverse vittime sono state decapitate. Si tratta della terza grande rivolta in un carcere brasiliano nell’ultimo anno. Quasi cento detenuti sono morti il mese scorso negli stati di Amazonas e Roraima.

In Corea del Sud chiesto l’arresto per l’erede della Samsung. La procura speciale sudcoreana ha emesso un mandato d’arresto per Lee Jae-yong, erede dell’azienda tecnologica. È accusato di corruzione nell’ambito dell’inchiesta che ha portato alla destituzione della presidente Park Geung-hye. La Samsung è sospettata di aver fatto delle donazioni alla fondazione non profit di Choi Soon-sil, amica e confidente della presidente Park Geun-hye, in cambio di sostegno politico. La Samsung ha registrato un forte calo in borsa dopo l’annuncio.

Si è tenuta a Parigi la conferenza internazionale sul Medio Oriente per rilanciare il processo di pace israelo-palestinese. Oltre 70 paesi hanno partecipato all’incontro organizzato dalla Francia per riaffermare l’impegno della comunità internazionale in favore della soluzione dei due stati. La proposta prevede che il territorio tra la Cisgiordania e il mar Mediterraneo sia diviso equamente tra Israele e Palestina, secondo i confini precedenti alla guerra dei sei giorni del 1967. Il vertice, accolto dai Palestinesi ma rigettato da Israele, si è concluso con un comunicato in cui si avverte inoltre che non verranno riconosciuti atti unilaterali da parte dei due paesi che potrebbero mettere a rischio le negoziazioni.

Bombardamenti governativi provocano almeno 12 vittime nel villaggio di Deir Qanoun, in Siria. Le forze governative hanno colpito il villaggio nella regione Barada, vicino a Damasco, attualmente controllata dai ribelli. Secondo quanto riportato dai media locali di Wadi Barada e dal gruppo di volontari Syrian Civil Defense, dodici persone sono morte e circa venti sono rimaste ferite nel bombardamento della sala ricevimenti al Reem. Le violenze nella zona, in cui si trovano varie dighe, hanno messo a rischio l’approvvigionamento idrico della capitale.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.