Rassegna stampa dal mondo del 17 gennaio

In primo piano il Dieselgate e chi vuole boicottare Trump.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Rassegna stampa

Arrestato il sospetto attentatore del club Reina di Istanbul. La polizia turca ha arrestato l’uzbeko Abdulkadir Masharipov, ritenuto responsabile dell’attentato del 1 gennaio 2017 nella discoteca di Istanbul in cui sono morte 39 persone e che è stato rivendicato dal gruppo Stato islamico. Dopo una lunga ricerca, l’uomo è stato fermato nel quartiere di Esenyurt, che si trova nella parte occidentale della metropoli turca, insieme ad altre cinque persone. Secondo le autorità turche Masharipov ha confessato di essere il responsabile dell’attentato.

Si fermano le ricerche dell’aereo della Malaysian airlines scomparso l’8 marzo del 2014. Con la fine di una infruttuosa missione condotta dalle autorità australiane nell’oceano Indiano, si possono considerare concluse le ricerche del relitto del Boeing della Malaysian airlines scomparso dai radar l’8 marzo del 2014 mentre era in viaggio da Kuala Lumpur a Pechino con a bordo 239 persone. Le ricerche del relitto dell’aereo sono durate quasi due anni.

Cresce il numero di parlamentari che boicotteranno l’insediamento di Donald Trump. Sono più di trenta i democratici eletti al Congresso che hanno deciso di boicottare l’insediamento di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti, che avverrà venerdì 20 gennaio. Il boicottaggio nasce da un tweet pubblicato dal presidente eletto nei confronti di John Lewis, parlamentare democratico, “eroe dei diritti civili”, che aveva messo in discussione la legittimità dell’elezione di Trump. A livello internazionale, invece, continuano a far discutere le affermazioni di Trump sulla Nato, definita uno strumento obsoleto.

Martin Schultz lascia il parlamento europeo. L’europarlamentare socialdemocratico tedesco, dopo oltre vent’anni passati nelle istituzioni dell’Ue, lascerà la presidenza del parlamento europeo. A 61 anni Martin Schultz ha deciso di non candidarsi per un terzo mandato come presidente del parlamento di Strasburgo per dedicarsi alla politica tedesca. E martedì 17 gennaio i 751 eurodeputati dovrebbero eleggere il suo successore.

Cinque morti in una sparatoria in un locale notturno in Messico. Un uomo armato ha aperto il fuoco in una discoteca di Playa del Carmen, località turistica dello Yucatán, in Messico, durante la serata finale di un festival di musica elettronica. Le vittime sono cinque e tra loro ci sarebbe anche un italiano, oltre a un colombiano e due canadesi. Secondo la polizia messicana non si è trattato di un attentato ma di una sparatoria seguita a una lite scoppiata all’interno del locale.

Elezioni anticipate in Irlanda del Nord fissate per il 2 marzo. Il ministro britannico per l’Irlanda del Nord, James Brokenshire, ha fissato per il 2 marzo 2017 le elezioni anticipate per determinare la nuova composizione del parlamento nordirlandese. Il governo di Belfast, presieduto dalla first minister unionista Arlene Foster e basato sul sistema dello sharing power, era entrato in crisi dopo le dimissioni del deputy first minister, il repubblicano Martin McGuinnes. I repubblicani dello Sinn Féin non hanno nominato un suo sostituto entro il termine fissato da Londra, che quindi ha deciso di chiamare i cittadini dell’Irlanda del Nord alle urne.

Gli otto uomini più facoltosi del mondo detengono la stessa ricchezza di 3,6 miliardi di persone. A Davos, in Svizzera, si apre il Forum economico mondiale e l’ong Oxfam ha pubblicato un rapporto che mette in luce l’aumento delle disuguaglianze economiche a livello globale. Nel mondo, denuncia Oxfam, sette persone su dieci vivono in paesi dove negli ultimi trent’anni è aumentato il divario tra ricchi e poveri.

Pierre Lescure rieletto presidente del Festival di Cannes. Il consiglio di amministrazione dell’Association française du Festival international du film ha rieletto all’unanimità il presidente uscente del festival per altre tre edizioni, dal 2018 al 2020 e confermato al suo fianco Thierry Frémaux come direttore artistico. Lescure dirige il festival dal 2014.

È morto Gene Cernan, l’ultimo astronauta ad aver camminato sulla Luna. Eugene Andrew Cernan è stato l’ultimo degli astronauti della Nasa ad aver camminato sul suolo lunare, in ordine di tempo. Era infatti il capitano della missione Apollo 17, che arrivò sulla Luna nel dicembre del 1972. Cernan è stato anche uno dei tre astronauti a essere andato due volte sul satellite della Terra. Dei dodici astronauti che hanno messo piede sulla Luna, sei sono ancora in vita.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *