Rassegna stampa dall’Italia del 6 novembre: maltempo, elezioni in Sicilia

In primo piano gli exit poll elezioni Sicilia, maltempo al Sud.

rassegna-stampa-news-elezioni

Elezioni Sicilia

Alle 8 è iniziato lo spoglio delle elezioni regionali di domenica in Sicilia: testa a testa tra Nello Musumeci e Giancarlo Cancelleri. Seguono, a distanza, Micari e Fava. Nell’isola continua a vincere l’astensione: alle urne solo il 46,76%, con un’affluenza in calo dello 0,65% rispetto al 2012.

Nove ore dopo la chiusura delle urne, è stato concluso lo scrutinio delle 183 sezioni in cui si è votato per l’elezione del presidente del X Municipio (Ostia) di Roma, al voto dopo due anni di commissariamento per mafia. Secondo il sito del Comune capitolino, la candidata del M5s, Giuliana Di Pillo, è in testa con il 30,21% delle preferenze, davanti a quella del centrodestra, Monica Picca (26,68%). Segue il Pd. Boom per Casapound (9,08%).



Il maltempo si è abbattuto sul Sud. A Salerno e in provincia sono stati oltre una trentina gli interventi dei pompieri per trarre in salvo alcuni automobilisti bloccati nei sottopassi ferroviari allagati. La forte pioggia ha causato allagamenti anche nell’agro nocerino-sarnese dove si sono registrati alcuni smottamenti. Un violento nubifragio su Reggio Calabria ha provocato allagamenti, causando vari incidenti.

Un terremoto di magnitudo 3.1 è stato registrato in provincia di Modena. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 10 chilometri di profondità ed epicentro 4 chilometri da Sestola. Non si segnalano per ora danni a persone o cose.

Schettini, detto Tonino il napoletano, l’uomo che ha confessato 59 omicidi (37 eseguiti, gli altri ordinati o organizzati), il boss del traffico di droga lungo l’asse Milano-Lecco negli anni Ottanta e Novanta, a breve sarà un uomo libero. Dopo “solo” 26 anni di detenzione, quasi tutti in 41 bis, a inizio del 2018 e da 60enne avrà finito di scontare la sua pena. Collaboratore di giustizia, così si spiega lo sconto della reclusione, era ai domiciliari già da 4 anni per motivi di salute con regolare permesso di uscire per andare al lavoro.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *