“Fellini fine mai”, a Venezia l’esclusivo docufilm sull’arte del grande regista

Quando i film non finivano mai. Accadeva con uno dei più grandi registi italiani, genio indiscusso anche a livello internazionale: Federico Fellini, di cui nel 2020 ricorrerà il centenario della nascita.

Un personaggio che Rai Teche, Rai Cinema e Aurora Tv “riportano” alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia – in concorso nella sezione “Venezia Classic. Documentari sul Cinema” – con un film doc firmato da Eugenio Cappuccio, già suo assistente: “Fellini Fine Mai”. Un titolo che fa riferimento proprio a quel grande schermo sul quale il regista non voleva mai vedere il “The End”.

E’ un Fellini raccontato in prima persona da Cappuccio e che rivive attraverso la potenza delle immagini, dei suoni e delle fotografie custoditi da Rai Teche: frammenti di vita e di poetica del cinema, spesso sconosciuti, e svelati da chi ha avuto la fortuna di lavorare con lui e di condividere la sua esperienza come appunto Cappuccio che ricostruisce il percorso che lo ha portato a conoscere Fellini a Rimini quando era appena adolescente e poi, dopo aver studiato al Centro Sperimentale di Cinematografia, a collaborare come assistente sul set di “Ginger e Fred”.

Attraverso materiali di repertorio e interviste, Cappuccio parte dai luoghi in cui Fellini ha iniziato a raccontare le sue storie, e si lancia verso nuove scoperte del suo “mondo segreto” che troverà la sua massima espressione nelle possibilità offerte da Cinecittà: una sorta di “rivelazione” su ciò che ha dato forma e vita a molti dei più bei film della storia del cinema, un viaggio personale e familiare intimo, ma anche uno sguardo agli “incompiuti” di Fellini per molti versi ancora più enigmatici.

Per questo il film documentario ospita anche numerose testimonianze originali e preziose come quelle di Vincenzo Mollica, Antonello Geleng, Sergio Rubini, Francesca Fellini, Andrea De Carlo, Mario Sesti.

A questi si aggiunge la voce (e la matita) di un altro grande che negli ultimi anni di vita e lavoro di Fellini lo ha affiancato per dare forma e colore ai sogni del Maestro che l’industria cinematografica faticava a realizzare: Milo Manara.




Proprio il rapporto tra Fellini e Manara è uno dei complessi e originali binari percorsi alla scoperta dei “segreti” di un uomo e di un cinema che sullo schermo non metteva la parola “Fine” al termine delle vicende raccontate.
Da “Viaggio a Tulum”, in cui lo stesso Eugenio Cappuccio, allora giovanissimo assistente alla regia di Fellini, fu coinvolto in circostanze paradossali, fino a Mastorna, film rimasti su carta, i cui disegni non sono mai diventati pellicola.

Si scopre così che chiunque abbia avuto la fortuna di lavorare accanto al Grande Maestro non ha soltanto contribuito a realizzare dei capolavori e a partecipare a un’avventura culturale, figurativa, estetica, ma ha condiviso un mondo fantastico in cui la realità si intrecciava con la superstizione e in cui i segni del destino e le premonizioni erano fondamentali.

Загрузка...
Blogger a tempo pieno. Appassionato di televisione con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre, prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.