Gucci censurato dall’ASA:”Modella magra in modo malato”

Gucci censurato dall’ASA:”Modella magra in modo malato”

Gucci

Gucci

Cruise collection 2016 di Gucci presentata lo scorso Giugno ha avuto un successo meritato, stile e glamour del brand fiorentino sono stati confermati dalla direzione di Alessandro Michele che ha innovato la griffe con la sua ventata di originalità. Eppure Gucci in questi giorni ha subito una battuta d’arresto a livello promozionale, la campagna pubblicitaria presentata nel Regno Unito è stata censurata, secondo l’organo competente la modella scelta è troppo magra.

L’ASA (Advertising Standards Authority), l’ente regolatore britannico delle pubblicità sui media, ha giustificato la decisione con una nota pubblica:

Abbiamo considerato che il busto e le braccia fossero troppo sottili e sembravano sproporzionati rispetto alla testa e la parte inferiore del corpo. Inoltre la sua posa allunga il busto e accentua la sua vita che appare molto piccola: “Magra in modo malato” e “Scheletrica.

Gucci ha risposto ribadendo la sua convinzione e difendendo l’appena 16enne Avery Blanchard giovanissima modella attualmente sulla cresta dell’onda:

Gucci presta la massima attenzione alle modalità di selezione delle modelle e a come vengono raffigurate nelle nostre campagne pubblicitarie. Prendiamo atto, pur non condividendola, della sentenza dell’ Asa (Uk Advertising Standards Authority) che è un’istituzione indipendente, in riferimento ad una modella apparsa in un’immagine della nostra campagna Cruise 2016. La programmazione di tale campagna, come previsto da pianificazione originaria, è terminata a dicembre 2015.

Laureata in giurisprudenza, appassionata di musica italiana e di letteratura. Mamma a tempo pieno, adoro scrivere e il web mi ha dato questa opportunità. Blogger per gioco, a poco a poco è diventato un lavoro gratificante e appagante. La moda, il gossip sono gli argomenti che prediligo in particolare con uno sguardo al passato e ai trend vintage.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *