Rassegna stampa dal mondo del 3 marzo

In primo piano la politica di Trump e la quotazione in Borsa per Snapchat.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo del 3 marzo 2017.

rassegna stampa

Donald Trump

Il procuratore generale degli Stati Uniti Jeff Sessions non parteciperà all’inchiesta sul coinvolgimento russo nelle elezioni 2016. Sessions ha comunicato che rinuncerà al suo ruolo di supervisore nell’inchiesta, dopo che il dipartimento di giustizia ha confermato che l’attuale procuratore generale incontrò per due volte l’ambasciatore russo a Washington Sergei Kisljak. Sessions in diverse occasioni ha evitato di menzionare gli incontri e ha ripetutamente negato di aver mai discusso la campagna elettorale con diplomatici russi. La leader dei democratici Nancy Pelosi ha accusato il procuratore generale di aver mentito sotto giuramento e ne ha chiesto le dimissioni.

La polizia francese ha perquisito la casa di François Fillon. Il quotidiano Le Parisien ha scritto che la mattina del 2 marzo le forze dell’ordine sono entrante nell’appartamento parigino del candidato dei Républicains. Fillon sarà interrogato dai magistrati il 15 marzo nell’ambito di un’inchiesta sull’uso improprio di fondi pubblici. È accusato di aver pagato uno stipendio alla moglie Penelope per un incarico fittizio da assistente parlamentare. Fillon ha detto che parteciperà lo stesso alle elezioni del 23 aprile e ha accusato la magistratura di aver organizzato un “omicidio politico” contro di lui.

Denis Verdini condannato a nove anni di reclusione. Il tribunale di Firenze ha condannato in primo grado il senatore del gruppo Ala per il fallimento del Credito cooperativo fiorentino a nove anni di carcere e interdizione perpetua dai pubblici uffici. Condannato anche il deputato di Ala Massimo Parisi e due imprenditori. Secondo l’accusa, Verdini usava i fondi della banca come uno strumento per soddisfare interessi personali e dei suoi soci in affari.

Hosni Mubarak è stato assolto in via definitiva per le morti dei manifestanti nel 2011. La corte d’appello ha dichiarato innocente l’ex presidente egiziano, che era accusato di complicità nell’uccisione di quasi novecento manifestanti durante le proteste che portarono alla sua deposizione nel febbraio del 2011. L’accusa sosteneva che Mubarak aveva dato ordine alla polizia di reprimere con la forza le rivolte popolari. Era stato condannato all’ergastolo nel 2012, ma nel 2014 un altro tribunale aveva annullato la sentenza. La corte d’appello ha anche stabilito che i familiari delle vittime non potranno fare ricorso.

A Manbij, in Siria, una milizia curda cede il controllo di una parte di territorio alle truppe di Damasco. L’obiettivo del Consiglio militare di Manbij, un gruppo armato appoggiato dagli Stati Uniti e composto in gran parte da curdi, è impedire che l’area finisca sotto il controllo dei ribelli dell’Esercito siriano libero, sostenuti dalla Turchia. L’accordo tra i curdi e il governo di Damasco è stato negoziato dalla Russia e riguarda un territorio a ovest della località strategica di Manbi, nel nordest della Siria, che è teatro di intensi combattimenti. Le milizie curde siriane sono sotto attacco da parte dei soldati turchi e dei loro alleati, che stanno conducendo l’operazione Scudo dell’Eufrate per respingerle a est del fiume.

Il parlamento europeo ha votato per revocare l’immunità a Marine Le Pen. Il parlamento di Bruxelles ha confermato la decisione della commissione giustizia revocando l’immunità parlamentare alla candidata dell’estrema destra alle presidenziali francesi. Le Pen nel 2015 ha twittato delle immagini di violenze compiute dai militanti del gruppo Stato islamico. Con questa misura il parlamento europeo consente le azioni legali a livello europeo nei suoi confronti.

La camera dei Lord rallenta la Brexit. Votando un emendamento proposto dai laburisti sulle garanzie ai tre milioni di cittadini europei che vivono nel Regno Unito, la camera dei Lord ha rallentato l’iter della legge messa a punto dal governo di Theresa May che porterà all’uscita di Londra dall’Unione europea. Il testo dell’emendamento vuole garantire ai cittadini dell’Ue il diritto di poter rimanere nel Regno Unito per tre mesi dopo l’attivazione dell’articolo 50 del trattato di Lisbona. La legge non è in discussione, ma l’adozione dell’emendamento ne allunga comunque i tempi di approvazione.

Snapchat debutta a Wall Street e vale 28 miliardi di dollari. Snap Inc., la società che ha creato il servizio di messaggistica istantanea Snapchat, ha debuttato alla borsa di New York a 24 dollari per azione, in un aumento del 44 per cento rispetto all’offerta iniziale di 17 dollari per azione. La società ha chiuso la giornata con un valore di mercato di 28,3 miliardi di dollari, nel debutto più alto dopo quello del gruppo Alibaba nel 2014.

È morto l’artista tedesco Gustav Metzger. Nato a Norimberga nel 1926, si rifugiò ancora bambino nel Regno Unito, dove in seguito frequentò la Cambridge school of art. Esponente dell’azionismo, è considerato il creatore della auto destructive art (Manifest der autodestruktiven Kunst, 1960) tutte forme di espressione artistiche tipiche del novecento, connotate da una forte critica al sistema capitalistico e anche al mondo delle arti. Metzger è morto nella sua casa di Londra. Aveva novant’anni.

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *