Scontri a Napoli, il giorno dopo proseguono le accuse a Salvini

Dopo la violenza e gli scontri continuano le polemiche.

scontri a napoli, salvini

Il sindaco De Magistris

Matteo Salvini non si perdona, che possa dire o meno cose giuste che arrivano direttamente alla pancia di un certo paese non si perdonano le sue uscite razziste, omofobe e anti democratiche, non si perdona il suo “prima il Nord”, non si perdona la storia delle ruspe seppur con motivazioni giuste.

Salvini e Napoli semplicemente non possono andare d’accordo nonostante si condannino i gesti violenti e distruttivi di coloro che hanno voluto protestare con la violenza. Ma Salvini non viene perdonato neanche dai suoi oppositori politici, De Magistris in primis che sembra aver voluto giustificare la violenza. A lui oggi, il giorno dopo, si è aggiunto anche Michele Emiliano che accusa l’esponente della Lega di aver per anni detonato, fomentato quello che poi è accaduto per le strade di Napoli. Che ha raccolto ciò che ha seminato.

L’attacco di Emiliano.

Mi dispiace per quello che è accaduto, ma era assolutamente prevedibile. Salvini conosce il meccanismo, lo innesca, lo fa detonare e poi finge di essere la vittima. Questa tecnica è vergognosa. Così Michele Emiliano, governatore della Puglia e candidato alla segreteria del Pd, a margine dell’inaugurazione del suo primo comitato a Firenze per la campagna congressuale del Pd. Napoli – ha aggiunto Emiliano – è una bellissima città che non va né irrisa né provocata. E’ evidente che chi semina vento raccoglie tempesta.

La risposta di De Magistris.

Renzi e Salvini dicono che io sto con i violenti. Falso. Io non sto con i violenti. Mai. Le mie mani sono pulite e non colluse. Ha risposto così via Facebook il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, aggiungendo: Sto con la mia città, che amo e difenderò sempre, e con i napoletani, popolo difficile ma ricco di pace e amore, nonché sto con il popolo tradito dai poteri con le mani sporche di sangue. Sto con tutte le vittime degli atti di violenza. Non sto e non me la faccio – attacca il primo cittadino partenopeo – con chi è accusato di corruzioni come fa Renzi, travolto sempre di più dalla questione morale, né sto con razzisti come Salvini che odiano Napoli e i Sud.

Voi da che parte state?

loading...
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.
loading...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *