Rassegna stampa dal mondo del 4 aprile

In primo piano l’attentato a San Pietroburgo, identificato l’assalitore.

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

rassegna stampa

Infografica sugli attentati in Europa

Identificato l’attentatore di San Pietroburgo. L’uomo sospettato di aver ucciso undici persone facendo esplodere una bomba nella metropolitana della città russa sarebbe Akbarzhon Jalilov, un cittadino russo nato in Kirghizistan nato nel 1995. L’hanno confermato i servizi di sicurezza kirghisi. Secondo l’agenzia di stampa russa Interfax, il sospettato avrebbe legami con l’islam radicale. Non è chiaro se l’uomo fosse un attentatore suicida. L’attentato, avvenuto tra le stazioni di Sennaja Ploščad e Tekhnologičesky Institute, ha causato anche 45 feriti. Finora l’attacco non è stato rivendicato.

La Colombia dichiara lo stato d’emergenza dopo la frana a Mocoa. Il presidente Juan Manuel Santos ha dichiarato che il governo ha stanziato 40mila pesos per “affrontare l’emergenza umanitaria”. La valanga è avvenuta tra il 1 e il 2 parile e ha travolto il capoluogo del dipartimento di Putumayo, nel sudest del paese. La frana è stata causata dalle acque del fiume Mocoa, innalzate dal maltempo. Finora le vittime confermate sono 262, ma il bilancio potrebbe salire.

Undici arresti in un’operazione contro la ‘ndrangheta in Italia. Sono in corso due operazioni della polizia contro la criminalità organizzata in Calabria. La prima operazione riguarda la cosca del boss latitante Marcello Pesce. Al centro della indagini ci sarebbero le dinamiche economiche legate al trasporto su gomma nella piana di Gioia Tauro. Tra le persone fermate ci sono affiliati e prestanome del gruppo criminale di Rosarno.

Un cargo indiano è stato sequestrato da pirati al largo della Somalia. Il cargo, di cui non si conoscono la destinazione e il numero dei componenti dell’equipaggio, stava navigando lungo le coste della Somalia. Secondo alcune fonti è stato intercettato e sequestrato una cinquantina di chilometri a sud del porto di Hobyo. È il secondo episodio di questo genere in due settimane.

Un attivista ucciso durante una protesta in Paraguay. Rodrigo Quintana, attivista di 25 anni, è stato ucciso durante un finesettimana di violenze ad Asunción, capitale del Paraguay. Venerdì 31 marzo si è svolta una votazione segreta in senato, per cambiare la costituzione e permettere al presidente Horacio Cartes di ricandidarsi per la terza volta, alle presidenziali del 2018. Una folla di manifestanti ha quindi dato l’assalto al palazzo del congresso, a cui è stato anche appiccato il fuoco. Quintana è rimasto ucciso, colpito alla testa da un proiettile di gomma, durante l’irruzione della polizia nel quartier generale del partito liberale, che si oppone al presidente Cartes.

Donald Trump deciso a “risolvere” la minaccia nucleare nordcoreana. In un’intervista al quotidiano britannico Financial Times, il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato che intende porre fine alla minaccia nucleare rappresentata dalla Corea del Nord e che questo avverrà con o senza l’aiuto della Cina. In settimana Trump incontrerà il presidente cinese Xi Jinping in Florida.

Aleksandar Vučić si avvia a diventare il nuovo presidente serbo. Secondo le ultime proiezioni il primo ministro uscente Vučić ha raccolto il 55 per cento dei voti alle elezioni presidenziali in Serbia e non sarà quindi necessario il secondo turno. Il candidato che gli si è avvicinato di più è Saša Janković che ha superato di poco il 15 per cento dei voti.
Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.