Rassegna stampa dal mondo del 20 aprile

In primo piano il nuovo attacco terroristico in Francia.

parigi, champs elysées

Champs Elysées

La rassegna stampa delle notizie di oggi da tutto il mondo.

Scontro a fuoco sugli Champs-Elysées, a Parigi. Qui per tutti i dettagli e le immagini.

Scontro a fuoco sugli Champs-Elysées, a Parigi. Intorno alle 21 del 20 aprile un uomo ha aperto il fuoco contro tre poliziotti, uccidendone uno e ferendo gravemente gli altri due. L’aggressore, che secondo le prime informazioni era già noto alle forze dell’ordine, è stato ucciso. Nell’attacco è rimasto leggermente ferito anche un turista straniero. Il gruppo Stato islamico (Is) ha rivendicato l’attacco in serata attraverso la sua agenzia di stampa Amaq.

In Pakistan la corte suprema ha deciso che il premier può rimanere in carica. Il primo ministro Nawaz Sharif avrebbe potuto essere dichiarato ineleggibile e in questo caso sarebbe stato costretto a dimettersi, a causa del suo coinvolgimento nello scandalo dei Panama papers, l’inchiesta che ha denunciato il coinvolgimento dei figli del premier in un presunto riciclaggio di denaro attraverso società offshore. La corte suprema ha annunciato un’inchiesta approfondita sul premier con l’accusa di corruzione.

La camera ha approvato il disegno di legge sul testamento biologico. Il testo è passato con 326 sì e 37 no e ora dovrà essere esaminato dal senato. La proposta di legge prevede che “ogni persona maggiorenne capace di intendere e volere, in previsione di una futura incapacità di autodeterminarsi” possa esprimere, attraverso disposizioni anticipate, convinzioni o preferenze rispetto a scelte terapeutiche e trattamenti sanitari, comprese idratazione e nutrizione artificiali. Inoltre la persona può nominare un fiduciario per quando non sarà cosciente.

Violenze e morti in Venezuela nella manifestazione contro il governo.L’opposizione chiede ai suoi sostenitori di tornare in piazza, all’indomani delle manifestazioni contro il governo di Nicolás Maduro nelle quali sono state uccise tre persone con ferite da arma da fuoco, durante le violenze scoppiate tra i manifestanti e la polizia. Trenta persone sono state arrestate nelle proteste. Nelle ultime settimane sono morte otto persone negli scontri durante le numerose manifestazioni organizzate dall’opposizione che chiede le dimissioni di Maduro.

Respinto il ricorso della regione Puglia, via libera ai lavori del gasdotto Tap. Il tar del Lazio ha stabilito che l’espianto degli ulivi nel cantiere di Melendugno, in provincia di Lecce, potrà riprendere. È stato bloccato il ricorso della regione Puglia, che chiedeva la sospensione dei lavori denunciando un pericolo di danno permanente. L’espianto, cominciato il 17 marzo, era stato fermato dal tar il 6 aprile.

Gli Stati Uniti rimettono in discussione l’accordo sul nucleare con l’Iran. Il segretario di stato degli Stati Uniti, Rex Tillerson, ha accusato l’Iran di “allarmanti e continue provocazioni” destinate a destabilizzare il Medio Oriente e a compromettere gli interessi di Washington nella regione. Il presidente Donald Trump, inoltre, ha ordinato una revisione degli accordi sul nucleare, stipulati nel 2015 tra Teheran e il gruppo dei cinque più uno.

L’Australia riforma la legge sulla cittadinanza. I cittadini stranieri, che chiedono la cittadinanza australiana, dovranno sostenere una prova che valuta la loro integrazione nella comunità locale e il loro impegno per la difesa della libertà religiosa e dell’uguaglianza di genere. La durata della residenza necessaria per ottenere la cittadinanza è stata estesa, da un anno a quattro. Le modifiche sulla cittadinanza sono state annunciate dal governo due giorni, dopo l’annuncio di restrizioni sui visti per i lavoratori stranieri.

La lotta alle malattie tropicali neglette ha fatto registrare alcuni successi.Secondo un rapporto dell’Oms, nel solo 2015 un miliardo di persone nel mondo è stato curato per queste malattie. Tra i progressi, l’Oms segnala che 556 milioni di persone hanno ricevuto il trattamento preventivo per l’elefantiasi; la malattia del sonno è quasi scomparsa, passando da 37mila nuovi casi del 1999 a meno di tremila nel 2015; il tracoma è stato debellato in Messico, Marocco e Oman; la malattia del verme della Guinea è prossima all’eradicazione.

Blogger, articolista. Sono un appassionato di televisione in genere con maggiore attenzione alle serie tv soprattutto americane. Scrivo praticamente da sempre prima cominciando con racconti brevi thriller e horror. Oggi scrivere è una passione ma anche un lavoro a tempo pieno. Mi occupo anche di attualità, green e lifestyle. Sono un appassionato di lettura, cinema e adoro in modo sconfinato i gatti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.